Massimo Grazioli: va al museo la sua arte del pane

IL panificatore legnanese che ha conquistato l'Italia, recentemente scomparso, è protagonista a Milano del museo dell'accademia del panino italiano

Massimo Grazioli nel museo dell'accademia del panino Italiano

La sua passione, la sua attività e la sua voglia di fare del pane una forma di recupero delle tradizioni e di capacità di innovare meritavano un posto al sole.

Galleria fotografica

Massimo Grazioli nel museo dell'accademia del panino Italiano 4 di 9

A dare lo spazio che compete a Massimo Grazioli da Legnano, uno dei più famosi panificatori degli ultimi anni non solo in Lombardia, è stata l’Accademia del Panino Italiano, che nella sua sede di Milano ha allestito un vero e proprio museo.

E Grazioli è, a buon merito, uno dei protagonisti del museo, accanto al collega Davide Longoni e Eugenio Pol, il padre del recupero del lievito madre.

Massimo Grazioli si è spento improvvisamente nel luglio scorso, dopo avere conquistato l’Italia con i suoi pani. Ora la sua attività è passata con successo nelle mani dei figli, che alimentano la terza generazione della panetteria legnanese con la stessa passione del padre: il figlio Nicolò ha già tenuto i suoi primi corsi slow Food sulla panificazione, sulle orme di quelli – seguitissimi – di Massimo.

 

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 13 marzo 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Massimo Grazioli nel museo dell'accademia del panino Italiano 4 di 9

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.