Tagli al budget, biblioteca di Mendrisio a rischio

E' stata "tagliata" dalle misure di risanamento del consiglio di Stato. Ma c'è già un comitato contro e una petizione on line, aperta anche agli italiani

Le misure di risanamento finanziario 2008 – 2011, annunciate dal consiglio di Stato elvetico il 10 luglio scorso, vedono tra i provvedimenti per ottenere risparmi sul bilancio dello Stato (in questo caso, 200.000 franchi), anche la soppressione della biblioteca cantonale di Mendrisio.

Una decisione che ha mosso subito in moto un’opposizione in città,  facendo nascere il comitato contro la soppressione della Biblioteca cantonale di Mendrisio: comitato che si è costituito all’inizio del mese di agosto 2008 e si prefigge, attraverso una petizione e altre prese di posizione, di difendere l’esistenza dell’istituto di Mendrisio.

La Biblioteca cantonale di Mendrisio, nata del 1979 come istituto liceale, ha esteso i suoi servizi alla cittadinanza nel 1989, moltiplicando continuamente gli sforzi: tanto che ora il 64 % delle opere viene prestato a utenti esterni, mentre il 36 % all’utenza interna, cioè a studenti e docenti del Liceo. Nel 1991 è stata poi riconosciuta come Biblioteca cantonale.

La petizione, cui hanno già aderito quasi mille persone, si può trovare on line: la possono firmare cittadini svizzeri ma anche stranieri, che abbiano compiuto almeno 16 anni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore