Pd: “Il bilancio non convince nemmeno la maggioranza”

Il documento sarà votato nella prossima seduta del consiglio comunale. Ad accendere le polemiche della minoranza la decisione di aumentare le indennnità di sindaco e assessori

C’è fermento tra le forze politiche della minoranza in attesa del prossimo consiglio comunale di Malnate. La decisione di aumentare le indennità complessive di sindaco e assessori (da 60 mila a 100 mila euro annui) potrebbe infatti mettere a rischio la stabilità dell’amministrazione guidata dal sindaco Sandro Damiani. A sostenerlo è il Partito Democratico malnatese che nella prossima seduta del consiglio, dedicata all’approvazione del bilancio, presenterà alcuni emendamenti: il principale contesta proprio l’aumento delle indennità. «La decisione di aumentare gli stipendi del sindaco e della giunta è stata presa nell’ambito della preparazione del bilancio di previsione – spiega Eugenio Paganini, consigliere comunale del Partito Democratico -. La situazione che si è creata però è critica: in consiglio vedremo un emendamento proveniente proprio dalla lista Damiani che ha fatto marcia indietro sulla questione delle indennità. Anche alcuni rappresentanti di Alleanza Nazionale e di Forza Italia l’hanno criticato aprendo la possibilità di una rottura all’interno della stessa maggioranza». La riunione di martedì, potrebbe dunque essere decisiva per la giunta di Damiani. «In caso di mancata approvazione del bilancio entro i termini previsti – aggiunge Paganini – il Comune rischia il commissariamento. Entro il 31 marzo la maggioranza dovrà dunque raggiungere un accordo. In questo momento pensiamo che in molti esprimeranno voto contrario. Si discuterà di un piccolo problema che ha però un’importanza decisiva per la continuità di questa amministrazione».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 marzo 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore