Con il “bat detector” alla ricerca dei pipistrelli

L'iniziativa è organizzata dal Campo dei Fiori in collaborazione con il Centro Gulliver

Non è una dotazione del Cavaliere Oscuro, il bat detector, ma uno strumento utile all’osservazione dei pipistrelli. Sabato 29 e domenica 30 settembre, dalle 16 alle 21, alla Cascina Tagliata il Campo dei Fiori in collaborazione con il Centro Gulliver organizza una serie di iniziative dedicate a "Il mondo dei pipistrelli".

Filmati, immagini, reperti, pubblicazioni, giochi interattivi, gadget: un viaggio attraverso le false credenze che accompagnano da sembre questi mammiferi in contrapposizione con il loro importante ruolo ecologico e le conseguenti necessità di tutela.

Riconosciuta l’importanza di questi animali nell’ecosistema, la Comunità Europea e la Regione Lombardia hanno cofinanziato un progetto, realizzato dal Parco Campo dei Fiori, dal titolo “Tutela di grotte e chirotteri nella gestione di boschi e prati magri”, volto alla conservazione diretta di questi animali e alla protezione dei principali ambienti che frequentano.

Il supporto ricevuto dalla Commissione Europea nell’ambito dei finanziamenti LIFE Natura permise al Parco di avviare, tra il 1997 e il 2004, un intenso programma di sensibilizzazione e di educazione sulle problematiche che riguardano i pipistrelli e la loro difficoltosa conservazione. Di questo programma faceva parte la mostra titolata “Pipistrelli: tra immaginario e realtà” che negli anni è stata allestita in diverse località della provincia e non solo.

Per sensibilizzare il pubblico sulle problematiche legate alla conservazione dei pipistrelli e per sfatare le leggende negative su di essi, il Parco del Campo dei Fiori ha realizzato una mostra didattica e interattiva articolata in due sezioni: l’immaginario e il reale. Il visitatore può osservare in contrapposizione un filmato con immagini tratte da film dell’orrore e uno più documentaristico sulla biologia dei pipistrelli, cinque pannelli con illustrazioni ironiche sulle false credenze riguardo questi animali e altri sette con impostazione più rigorosamente scientifica. Il passaggio nella grotta lascerà buona parte dei visitatori ancora perplessa sulla natura dei pipistrelli ma le numerose stazioni interattive assicureranno divertimento e preziosi insegnamenti sulla biologia di questi “poco conosciuti” mammiferi volanti.

info: http://www.parcocampodeifiori.it/

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 settembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore