Cava Coppa pericolosa? Tutto prescritto

Gli avvocati degli imprenditori coinvolti sono riusciti a dimostrare che erano stati oltrepassati i termini di legge per concludere il processo, in cui si contestava uno stoccaggio di rifiuti pericolosi

E’ finita con una prescrizione il processo su presunti abusi commessi alla cava Ex Coppa di Cantello. Il processo era nato dall’opposizione a un decreto penale emesso nei confronti dei signori Stefano e Daniele Coppa della Transcoop, ditta che gestiva la cava, e la Cogesa di Gervasini Enrica che è la proprietaria del terreno. 
Nel 2009 gli imputati vengono accusati di tre capi di imputazione: di aver fatto una discarica a cielo aperto di rifiuti pericolosi, di aver esercitato raccolta di rifiuti speciali senza autorizzazione, e di aver consentito una illegittima miscelazione di rifiuti pericolosi.
Il processo è iniziato nel 2010 (ma i decreti di sequestro sono stati più di uno e partono fin dal 2004 tuttavia erano stati sempre oggetto di impugnazione). Alla fine è arrivato un decreto penale di condanna che è stato oggetto di impugnazione, ma è bene specificare che non si tratta della cava dell’imprenditori Nidoli oggetto di una vasta polemica di recente, bensì di aree circostanti e contigue.
Il giudice Anna Azzena ha letto oggi il dispositivo con la quale ha dichiarato prescritti tutti i reati ascritti ai tre imputati, difesi da Francesca Benzoni e Fabio Fedi. Trattandosi di contravvenzioni, il termine è fissato a 5 anni, a cui vanno aggiunti tutti i giorno oggetto di legittimo impedimento. I sequestri decadono, non vi sarà confisca.  

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 07 Novembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.