Giudizio immediato per Basile, l’uomo che strangolò il fratello

Prima lo picchio, poi lo uccise a mani nude e picchiò anche la fidanzata della vittima ma per la perizia ordinata dal pm era praticamente incapace di intendere e di volere

Il pm Luca Petrucci ha chiesto il giudizio immediato per Giovanni Basile, l’uomo che uccise il fratello lo scorso giugno a Varese, dopo averlo strangolato. Il processo inizierà a febbraio ma è probabile che non si arrivi a una condanna. Basile è praticamente reo confesso, ma la perizia che ha disposto a suo tempo la procura della repubblica ha dato come esito che Basile era incapace di intendere e di volere al momento del delitto, mentre ora, diciamo così, si è calmato e sarebbe in gradi di sostenere il processo. Il pm arriverà dunque a dibattimento con una consulenza che propende verso l’assoluzione per incapacità di intendere e di volere.  

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 28 Novembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.