Di Luccio non pagò l’Iva, condannato

Il giudice del tribunale cittadino ha condannato a quattro mesi l’ex tesoriere della Dc che nel 2010 non ha versato 95mila euro di imposta dell’azienda vinicola di cui era amministratore

Condannato a quattro mesi di carcere Nicola Di Luccio, ex tesoriere della Dc e oggi noto imprenditore in città. La questione risale al mancato pagamento dell’Iva per 95 mila euro da parte della società di famiglia, l’azienda vinicola Dld srl, di cui Di Luccio era amministratore nel 2010. La condanna, con pena sospesa, è stata inflitta dal giudice monocratico di Saronno, Piera Bossi, che non ha accolto le giustificazioni della difesa. Secondo gli avvocati Di Luccio non avrebbe potuto pagare l’Iva per cause di forza maggiore, in quando si trovava agli arresti domiciliari per il fallimento delle immobiliari che operavano a Saronno e sul lago di Como.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.