Uva, adesso la protesta viaggia sulla “500”

La nuova iniziativa della sorella del ragazzo morto nel 2008 dopo una notte in caserma. Oggi si è presentata con un'autovettura coperta di scritte "giustizia" davanti al tribunale. Solidarietà dai passanti

Non si può dire che manchi la determinazione a questa donna: Lucia Uva, 53 anni, da 5 anni chiede che sia riaperto il caso del fratello, morto nel 2008 all’ospedale di Varese , dopo una notte trascorsa nella caserma dei carabinieri. La procura, fino a questo momento, ha concluso che la morte dell’uomo è stata determinata da un errore medico. Ma il tribunale nel primo processo sul caso ha assolto uno psichiatra e ora sono davanti al gup di Varese altri due medici. Lucia Uva non è convinta, e in tutte le sedi, da anni, urla la sua verità, e cioè che Giuseppe, secondo lei, fu picchiato da poliziotti e carabinieri (otto per la precisione) che quella notte furono chiamati per l’intervento in caserma.

Galleria fotografica

Lucia Uva, protesta in 500 4 di 15

TUTTA LA VICENDA IN SINTESI

Lucia Uva, oggi, è arrivata a una forma di protesta ancora più plateale. Si è presentata, alle 12, davanti al tribunale, con una Fiat 500 completamente tappezzata di scritte: «Noi vogliamo giustizia». Sul cofano, sui paraurti, sulle portiere, le facce di una serie di uomini e donne morti, in Italia, in circostanze misteriose o comunque violente. Da Fausto e Iaio, militanti del centro sociale Leoncavallo assassinati nel 1978 a Milano, a Valerio Verbano, ucciso in casa da estremisti di destra nel 1980 (caso ancora irrisolto), fino a Carlo Giuliani, per passare poi ad altri casi di morti dopo arresto, come Federico Aldrovandi o Stefano Cucchi. «Guardate che cosa deve fare una donna di 53 anni per avere la giustizia che si merita» ha urlato Lucia, davanti al palazzo di Giustizia, sotto gli occhi esterrefatti dei passanti. «Da oggi girerò con quest’auto – afferma – ci sono scritte realizzate su un bene privato, nessuno me le può far togliere, e così ogni viaggio sarà una protesta». La donna ha stretto la mano al procuratore capo Maurizio Grigo, incrociato in piazza. Un brevissimo colloquio, con una semplice battuta cordiale.

LE IENE
L’aspetto che colpisce di più di questa vicenda è la capacità di coinvolgimento che Lucia ha avuto rispetto al suo e ad altri casi. Ieri sera Le Iene hanno mandato in onda un servizio di 20 minuti sulla vicenda. La Uva e il giornalista Massimo Casciari di Mediaset sono infatti indagati per diffamazione di due carabinieri, dal pm titolare del fascicolo il sostituto procuratore Agostino Abate, ed è indagato per lo stesso reato anche un regista che ha realizzato un documentario sulla vicenda.Sarà anche l’eco mediatica del caso, ma questa mattina Lucia Uva è stata raggiunta da una donna che le ha consegnato delle donazioni per pagare gli avvocati. Solo per ritirare gli atti del fascicolo ha dovuto sborsare circa 2mila euro, raccolti con una sottoscrizione online. Poi Lucia ha preso i video degli interrogati di indagine e li ha riversati su youtube, dove sono tuttora visibili. Mentre parlava con i giornalisti l’autista di un camion che stava effettuando delle consegne si è fermato e le ha urlato: «Signora vada avanti, non si fermi». Ci sono poi interrogazioni parlamentari, appelli al ministro ed esposti al csm, e alla corte d’appello.  

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Giugno 2013
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Lucia Uva, protesta in 500 4 di 15

Video

Uva, adesso la protesta viaggia sulla “500” 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.