Da Torino ad Angera per convincere con le cattive la ex a tornare con lui

Un 34enne piemontese è stato denunciato dai carabinieri per atti persecutori e sequestro di persona: si è ferito da solo con un coltello e ha trascinato in strada la compagna 38enne

Da Torino ad Angera, per cercare la ex moglie armato di un coltello. Una brutta storia di intimidazioni quella che ha portato i carabinieri di Angera ad intervenire e a denunciare un 34enne di Torino, disoccupato, che nei giorni scorsi ha raggiunto la cittadina sul lago dove si era trasferita l’ex compagna, una 38enne cubana,  L’uomo non si è rassegnato alla fine della loro relazione sentimentale e, dopo avere convinto la donna a farlo entrare in casa, prima si è tagliato (in modo lieve) al polso con un coltello da cucina e poi ha iniziato a minacciare e a strattonare la donna, fino alla pubblica via. È a questo punto che sono arrivati i carabinieri, che hanno bloccato l’uomo e l’hanno denunciato per atti persecutori e sequestro di persona, reato quest’ultimo particolarmente grave. La compagnia Carabinieri di Gallarate ha anche proposto all’Autorità Giudiziaria la misura del divieto di avvicinamento alla donna.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Ottobre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.