Berlusconi: “Vinciamo a Saronno e facciamo una grande festa a mie spese”

Il fondatore di Forza Italia in città per sostenere il candidato sindaco Pierluigi Gilli. Dopo aver visitato la Tci Led, la Illva e la casa natale del padre, comizio in Portici alle 14

«Se vinceremo a Saronno tornerò e faremo una grande festa a spese mie». È la promessa che lancia dal palco Silvio Berslusconi, in visita a Saronno dalla mattina di lunedì 18 maggio fino al primo pomeriggio, quando al comizio di via Portini si è conclusa la visita in sostegno del candidato sindaco Pierluigi Gilli (sostenuto da Forza Italia, Unione Italia, Popolari e Pensionati).

Galleria fotografica

Berlusconi a Saronno 4 di 35

Qualche secondo di tensione ha preceduto il comizio finale, con un esagitato che ha opposto resistenza agli uomini della scorta e ai carabinieri è stato portato in caserma. Ma quasi nessuno si è accorto dell’accaduto e Berlusconi ha parlato dal palco come se niente fosse accaduto. Con lui il candidato sindaco Pierluigi Gilli, il consigliere regionale Luca Marsico, l’onorevole Gianfranco Librandi, l’europarlamentare Lara Comi. In piazza Berlusconi ha toccato diversi argomenti: «Non capisco il perrchè la Lega e Fratelli D’Italia non si siano alleati con noi, qui danno solo un vantaggio alla sinistra in questa maniera. Una scelta insensata. Una sinistra che tra l’altro non ha fatto nulla: professionisti della politica che parlano e basta, mentre noi abbiamo costruito l’Italia».

LO SPECIALE ELEZIONI

IL GRUPPO FACEBOOK SARONNO AL VOTO

Qualche battuta sul candidato Gilli «non più giovane, ma con una grande forza d’animo». Ed anche sulla sua città, Saronno: «Mi hanno appena consegnato un bellissimo regalo: l’attestato di nascita di mio padre, firmato da mio nonno cameriere. Vivevano qui a Saronno e anche io ho tanti ricordi di questa bellissima città. Per questo nei prossimi giorni voglio tornarci da vincitore».

VIDEO: INTERVENTO DI BERLUSCONI SULLA POLITICA NAZIONALE

In piazza erano presenti circa 200 persone, moltissimi giornalisti e tanti uomini delle forze dell’ordine: Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza. Molti dei quali hanno seguito Berlusconi per tutta la giornata. A partire dal mattino, quando ha iniziato la sua visita a partire la Milan Club Stella, uno dei più longevi club femminili del Milan: «Vi ricordo benissimo – ha detto loro Berlusconi -, fin da quando dopo una partita di spareggio col Como avete organizzato una marcia di ritorno a piedi a Saronno».
Grande commozione per la presidente del Club, figlia della fondatrice: «Mia madre è scomparsa da pochi anni, sarebbe felicissima e sono sicura che ha vissuto con noi questa bellissima giornata col nostro presidente».

IL VIDEO AL MILAN CLUB STELLA

La visita di Berlusconi è poi proseguita in due grandi aziende di Saronno: la Tci che produce componenti per Led e molto cresciuta negli ultimi anni, e la Illva che produce lo storico Amaretto di Saronno, il liquore italiano più venduto nel mondo.
Il comizio in centro a Saronno è iniziato alle 15, ma i simpatizzanti e i curiosi hanno atteso l’arrivo del leader politico. «Il nostro avvocato Gilli – ha spiegato poi al termine dei ricordi -, è l’uomo giusto per cambiare la città».

Gilli non ha effettuato discorsi dal Palco, ma poco dopo il saluto di Berlusconi ha commentato la giornata spiegando che il momento più emozionante «è stato quando gli abbiamo consegnato l’atto di nascita del padre. Si è visto che è rimasto molto colpito. Poi dalla piazza si vede come sia un grande comunicatore e sono sempre più convinto che possiamo farcela». Dello stesso avviso anche Lara Comi: «C’è chi ha preso un giorno di ferie per essere qui oggi, è indubbio che oggi sulla scena politica italiana non ci sia ancora nessuno capace di eguagliare Silvio Berlusconi».

VIDEO: GILLI COMMENTA LA VISITA DI BERLUSCONI

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 18 maggio 2015
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Berlusconi a Saronno 4 di 35

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    “professionisti della politica che parlano e basta, mentre noi abbiamo costruito l’Italia”

    alzheimer

  2. Castegnatese ora Insu
    Scritto da Castegnatese ora Insu

    conoscendo la gente di queste parti…non mi stupirei se vinceranno

Segnala Errore