“Ghirla e Boarezzo senza posta, ora basta”

Il sindaco di Valganna Bruna Jardini riporta il disagio di decine di famiglie. Motivo? Le ferie del postino

poste italiane apertura

«No, non mi lamento perché per andare in posta dobbiamo arrivare fino na Cunardo, ci mancherebbe. Il problema è che qui non arrivano le lettere da più di 10 giorni».

Il sindaco di Valganna Bruna Jardini è in questi giorni tempestata di richieste dei suoi compaesani che la fermano per strada ogni giorno, e ogni giorno, da 10 giorni le fanno la stessa domanda: “E la mia posta?”.

«È così da quando lo scorso 7 settembre il postino è andato in ferie – spiega il sindaco . DA quel giorno le frazioni di Ghirla e Boarezzo sono rimaste senza posta».

Raccomandate, quotidiani e periodici in abbonamento, semplici lettere: nulla, cassette della posta vuote.

«Ora, è chiaro che ognuno ha diritto di andare in ferie, figuriamoci – conclude il sindaco – infatti ci vorrebbe, in questi casi un sostituto. È possibile che un’azienda come Poste Italiane non abbia personale da impiegare per sostituire una persona quando va in vacanza?»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 settembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore