Udc, Chiesa attacca: “Il simbolo del partito non è sul mercato”

Il segretario amministrativo del partito risponde alle dichiarazioni di De Troia

stefano chiesa

Nuova puntata della diatriba tra esponenti dell’Udc. Questa volta è Stefano Chiesa, segretario amministrativo del partito, a dare la sua versione dei fatti, attaccando Agostino De Troia.

«In merito alle ultime dichiarazioni del Sig. De Troia – commenta Chiesa – vorrei ricordare allo stesso che il Segretario Amministrativo Provinciale non è sicuramente una carica di grande visibilità ma da statuto è il detentore del simbolo del partito, che non può essere “messo sul mercato” dal primo iscritto o da gruppi di amici che non risultano aver aderito e tantomeno versato quote di iscrizione all’UDC provinciale nel recente passato».

«E’ curioso – continua il segretario – anche che, se fosse vero quanto afferma De Troia,  il candidato eletto nelle primarie del centro-sinistra avrebbe vinto grazie al voto di un un gruppetto condominiale guidato da un fuoriuscito di un partito che attualmente governa Varese con in centrodestra, non è che la confusione sta da un’altra parte?».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 30 Dicembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.