Openjobmetis missione compiuta: vittoria e primo posto

I biancorossi superano gli austriaci di Guessing in trasferta (71-77) e si assicurano il vantaggio del campo per gli ottavi di Fiba Cup contro Gaziantep

Openjobmetis Varese - Aek Larnaca 74-72

Quinto successo in sei partite, vittoria del girone e campo favorevole negli ottavi di finale dei playoff di Fiba Europe Cup: la Openjobmetis completa così la seconda porzione della propria esperienza in coppa, superando a domicilio gli austriaci del Guessing (71-77) e si iscrive alla sfida contro i turchi del Gaziantep dell’ex Rautins per allungare la strada continentale.

Non un pomeriggio semplice, comunque, per la squadra di Moretti che fatica parecchio sul parquet degli Knights a causa di un numero industriale di palle perse (ben 22, nonostante mancasse lo “specialista” Galloway), di troppi rimbalzi offensivi concessi ai padroni di casa e di un arbitraggio a tratti molto permissivo sui portatori di palla biancorossi. Ma tutto è bene quel che finisce bene, e così in un finale che stava facendosi difficile la Openjobmetis ha trovato i canestri di una vittoria comunque meritata, se pensiamo al fatto che Kangur e compagni sono stati in vantaggio per tutti i 40′ di partita.

Tra le note positive della serata va senz’altro il fatto che i biancorossi hanno trovato punti con diverse opzioni: il top scorer – piacevole ricorrenza europea – è di nuovo Ferrero con 16, ma fanno piacere le prestazioni d’attacco di Faye (4/6 da 3) e Kuksiks così come l’apporto di Varanauskas. Il play lituano però mostra la corda sul pressing, uno dei motivi per cui Varese ha nuovamente palesato problemi nell’organizzazione offensiva: come a Pesaro l’Openjobmetis ha rischiato di pagare a caro prezzo certi black out che hanno permesso ai padroni di casa di sfiorare la rimonta vincente.

PALLA A DUE – Moretti ridà fiducia a Faye e Ferrero quando deve disegnare il quintetto base per affrontare Guessing. Nessun problema di rotazione, visto che Galloway è praticamente tagliato mentre il nuovo acquisto Wright non è ancora a disposizione dello staff biancorosso.

LA PARTITA – In avvio è una Varese che convince: dopo qualche schermaglia i biancorossi allungano con Varanauskas leader offensivo. Il vantaggio tocca anche il +15 salvo subire due canestri da Burgess prima della sirena, che suona sul 14-25.
La fisarmonica del punteggio si chiude inizialmente (26-32), si riapre grazie a un Faye ispirato e infine si stabilizza sul +10 ospite all’intervallo, 27-37.
Al rientro la gara ha un andamento simile (si parte con triple di Ferrero e Wayns), anche se la Openjobmetis conferma alcuni momenti di difficoltà offensiva che pesano sull’economia della partita. Moretti deve spendere un timeout sul +6, raccatta qualche punticino e ringrazia Ferrero per una folata sulla sirena che vale il 46-53.

IL FINALE – La rimessa sbagliata alla ripresa del gioco non è il miglior viatico per la Openjobmetis che in un amen si ritrova Guessing alle spalle (51-53). Una tripla di Faye vale la ripartenza, poi Wayns (tre liberi) e Kangur riportano a +9 i biancorossi, ma non è finita: altro blackout e dal 60-68 (tripla di Kuksiks) si arriva presto all’unica parità con un 8-0 dei Kings (68-68 a 2′) dalla fine. A scacciare i fantasmi di Pesaro è ancora Faye con una bomba che spariglia il punteggio e ridà fiducia a una Varese che non sbaglia in lunetta con Ferrero e Wayns e che la chiude con una palla rubata di Kangur sull’ultimo assalto austriaco. 

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 03 febbraio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore