Rubano una borsetta, ma la mattina dopo vengono riconosciuti e denunciati

Due giovanissimi ladri riconosciuti dal fidanzato della vittima del furto: sono stati pizzicati in stazione dagli agenti della polizia

varie

Rubano una borsetta, ma la mattina dopo vengono riconosciuti dal fidanzato della vittima. Due giovanissimi ladri, lui marocchino diciottenne e lei italiana ventenne, sono stati riconosciuti intorno alle 6 di sabato 2 aprile in Piazzale Trento a Varese come gli autori del furto della borsa della ragazza di un uomo, accaduto la sera prima.

Giunti sul posto, gli agenti hanno trovato presenti i due sospetti che in un primo momento hanno negato il fatto, ma poco dopo spontaneamente hanno consegnato quel che era rimasto del contenuto della borsa.

Gli oggetti sono stati riconosciuti e consegnati alla legittima proprietaria. Per quanto riguarda il resto della refurtiva mancante, i ragazzi hanno riferito di aver abbandonato la borsa a bordo di un treno, mentre i documenti e le chiavi le avevano gettate in un cestino della spazzatura posto davanti la stazione.

I due sono stati denunciati ed è stato emesso nei loro confronti foglio di via obbligatorio.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Aprile 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.