E’ rientrato a casa il ragazzo scomparso a Brusimpiano

Ieri a tarda sera il 23enne ha fatto rientro nella sua abitazione. Per due giorni lo hanno cercato nei boschi e nel lago decine di soccorritori

brusimpiano - ricerca ragazzo novembre 2016

Per due giorni Vigili del Fuoco, squadre specializzate e volontari l’hanno cercato nel lago e nei boschi, poi, ieri sera, l’epilogo fortunatamente positivo: il ragazzo di 23 anni che risultava disperso a Brusimpiano è rientrato nella sua abitazione.

Galleria fotografica

brusimpiano - ricerca ragazzo novembre 2016 4 di 6

Il giovane, di cui familiari e forze dell’ordine non hanno voluto rivelare l’identità, dovrà spiegare ora cosa è successo e perché per più di 48 ore è sparito senza dare sue notizie, mentre decine di persone si mobilitavano per cercarlo.

Nella giornata di ieri l’Unità di soccorso tecnico di Varese era intervenuta anche con una equipe di psicologi di Milano specializzata nel profiling degli scomparsi.

Questa mattina era in programma una riunione tra Vigili del Fuoco e Forze dell’ordine per capire se organizzare un’altra giornata di ricerche o investigare in altre direzioni. Poi, ieri a tarda sera, la buona notizia per familiari e soccorritori.

di mariangela.gerletti@varesenews.it
Pubblicato il 10 novembre 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

brusimpiano - ricerca ragazzo novembre 2016 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lollo82

    Premetto di esser felice che la situazione si sia conclusa velocemente ed apparentemente bene.

    Non capisco pero’ come si possano mobilitare cosi tante forze dell’ordine e servizi e non poter pubblicare anche una foto dello scomparso; magari qualcuno lo avrebbe notato ed allertato chi di dovere.

    Rimango un po perplesso su questo modus operandi.

    Pero’ ripeto, meglio cosi che è tutto finito bene

  2. Duilio
    Scritto da Duilio

    @lollo82: sono d’accordo con te, magari lo si sarebbe trovato prima. Per quanto riguarda invece tutta l’operazione, la si potrebbe prendere come una esercitazione; d’altro canto però, se il ragazzo è capace di “intendere e volere”, bisognerebbe chiedergli non dico un rimborso completo o parziale delle spese sostenute ma almeno di mettersi volontariamente a disposizione della collettività per restituire il favore ricevuto.

Segnala Errore