Dicembre mese di sonore bocciature e contestazioni

Ci lasciamo alle spalle il 2016 con tante notizie piccole e grandi che hanno caratterizzato la nostra provincia. Ecco quelle più lette dai lettori nel mese di dicembre

La protesta delle mamme per l'ospedale di angera

Il 4 dicembre l’Italia boccia con il 58% di “NO” la proposta di riforma costituzionale presentata da Matteo Renzi. È la fine del suo Governo. Al suo posto viene nominato Paolo Gentiloni. Anche nella nostra provincia la bocciatura è senza appello
(LEGGI QUI)

Il grande terremoto a livello politico apre un mese caratterizzato da incidenti, soprattutto ferroviari con la macchina che il 20 dicembre finisce sui binari a Somma (LEGGI QUI)  piuttosto che l’autoarticolato travolto da un treno a Ternate (LEGGI QUI)  o i due ragazzi investiti da un convoglio a Rho (LEGGI QUI).

La cronaca deve riportare tristi incidenti automobilistici, come quello del ciclista travolto dal camion in una rotonda a Gallarate (LEGGI QUI), o quello dell’anziana donna morta alla guida della sua auto finita contro un muro a Cavaria (LEGGI QUI). Anche sul lavoro si registra una vittima:  a Lonate Ceppino un giardiniere travolto dal cestello elevatore ( LEGGI QUI).

Non mancano le contestazioni, anche clamorose, come quella organizzata da mamme o future madri scese in strada in difesa dell‘ospedale di Angera e del suo punto nascita chiuso improvvisamente insieme alla pediatria (LEGGI QUI).

Polemiche e critiche solleva l’improvvisa chiusura della frontiera decisa dalla Guardia di Confine ticinese dopo una rapina alla Raiffeisen: rimangono coinvolte anche centinaia di frontalieri bloccati in coda per ore (LEGGI QUI).

E nel mese dei regali e delle feste risaltano le storie di truffe di grandi o piccole dimensioni, dalla “truffa del resto” un meccanismo messo a punto da due uomini (LEGGI QUI)  alla storia di Luca derubato in centro a Gallarate ( LEGGI QUI), e di sfruttamenti sanzionati dai carabinieri, come nel locale di Cassano Magnago (LEGGI QUI).

Tutta l’Europa piomba di nuovo nella paura. Dopo il tragico attacco di Nizza, dalla Germania arriva la notizia di un nuovo gravissimo attentato. La fuga dell’attentatore finisce a Sesto San Giovanni (LEGGI QUI).

Ma il Natale arriva e la casa del signor Lino a Leggiuno riporta serenità e gioia (LEGGI QUI)

Di seguito le altre notizie del mese che vi hanno interessato:

Non vuole sesso dalla massaggiatrice, picchiato e sequestrato (LEGGI QUI)

Due boati nel cielo a causa di due aerei (LEGGI QUI)

Gallarate, il sorprasso di Natale è shock ( LEGGI QUI)

In fiamme la vecchia sede della Ratti (LEGGI QUI)

Bimbo colpito da meningite, profilassi per i compagni d’asilo (LEGGI QUI)

Varese: attentato nella notte ( LEGGI QUI)

Varese: si è spento il Bino (LEGGI QUI)

Trasformavano carta straccia in milioni di euro. Scoperta maxi frode (LEGGI QUI)

Sequestrati beni per sette milioni di euro nel caveau del contrabbandiere (LEGGI QUI)

Ecco la nuova stazione di Malpensa Terminal 2 (LEGGI QUI) 

Notificato lo sfratto alla Quiete: entro il 9 gennaio, tutti fuori (LEGGI QUI) 

Muore intossicato dal monossido sviluppato da un braciere ( LEGGI QUI)

Truffa da due milioni di euro: promotore finanziario a processo (LEGGI QUI)

Nutrie a spasso sul lungo lago ( LEGGI QUI)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore