Minacce di morte e insulti al sindaco Guzzetti

È lo stesso primo cittadino a denunciare la reazione di alcuni sostenitori "no vax" dopo la sua forte presa di posizione in favore dei vaccini

Sguardi maggio

Minacce di morte e blocco della pagina Facebook.

Per il sindaco di Uboldo Lorenzo Guzzetti la lettera di replica a una mamma “no-vax” ha avuto pesanti strascichi. È stato lui stesso a denunciare la reazione di quanti si sono sentiti offesi dalle sue parole: « Mi scuso con tutti coloro a cui non ho risposto, sto per provvedere adesso, ma i simpatici novax hanno ben pensato di segnalarmi facendo in modo di subire da Facebook un blocco di 24 ore.
Nel frattempo ho ricevuto, oltre a molti messaggi di solidarietà e ringraziamento (molto belli quelli dei genitori di bimbi diversamente abili che mi ringraziano loro che hanno i figli più esposti) ho anche ricevuto diverse minacce di morte, insulti e auguri che il giorno che avrò un figlio mi muoia.
Direi che sono molto simpatici questi signori.

E anche pericolosi perché se l’altro giorno si dibatteva proprio su questa pagina di “fascismo” e “comunismo” ecco, penso che questa gente sia peggio di entrambe le dittature.
Perchè è una dittatura ideologica e ideale sulla quale dobbiamo vigilare e della quale dobbiamo diffidare.

Ho anche scoperto che questi stessi simpatici amici hanno anche minacciato alcuni di voi che hanno commentato esprimendo le idee simili alle mie, minacciando querele o altro.
Non ascoltateli: sono dei poveretti.

Ringrazio invece il mio amico dottore che mi ha chiamato e che si è reso disponibile per far fare a questi “genitori scellerati” un bel tour di visita in un Ospedale qua dalle mie parti dove potranno vedere cosa può succedere a bambini non vaccinati.
Quello che davvero mi fa scoppiare la vena ancora adesso è l’incapacità di capire che senza vaccini i bambini rischiano di morire, ma rischiano di morire davvero o di restare con gravi forme di disabilità.
Io davvero faccio fatica a capire.
Ringrazio tutti della solidarietà e della stima e chiedo a tutti di non mollare in questa battaglia culturale che dobbiamo portare avanti con tutte le nostre forze.
Lorenzo»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 settembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Totalmente solidale e a fianco del sindaco Guzzetti.
    Questi fanatici stanno diventando un pericolo sociale ed andrebbero veramente isolati in qualche ambiente protetto e ben recintato, una sorta di cupola alla Truman Show, dove non possono più uscire e dove possono professare qualsiasi panzana gli venga in mente.
    Ovviamente poi non chiedano cure, medicine e rimedi dell’era moderna e scientifica.
    Si curino pure con le nozioni da social network e vediamo chi sopravvive, se noi o loro.

Segnala Errore