Giovani Padani: Un fronte comune per l’Insubria in fiamme

Nelle ultime ore, le terre che si estendono dal Piemonte alle Alpi Orobie -- passando per Varese – sono avvolte ed assediate dalle fiamme. Difficili i tentativi dei Canadair – partiti da Genova e provenienti anche dall’estero – di reprimere gli incendi.

vigili del fuoco osservatorio schiaparelli incendio campo dei fiori

A Varese, le fiamme vive divorano il massiccio del Campo dei Fiori – alto circa mille metri, e sede dell’osservatorio astronomico – , il quale domina e sovrasta la cittadina insubre; da Venerdì sera, l’incendio va offrendo un macabro e sublime spettacolo agli abitanti che vi assistono.

Con ritmo cadenzato, esso divampa verso la cima del monte, mettendo a rischio abitazioni ed abitanti: sono decine, infatti, le famiglie varesine evacuate dai vigili del fuoco – e quindi costrette a lasciare la propria abitazione per rifugiarsi nelle macchine, in località Prima Cappella. Il forte vento di Venerdì notte ha contribuito alla diffusione del fuoco; sono innumerevoli le forze disposte in campo per frenare quella che, dopo le prime analisi dei Carabinieri, sembrerebbe comunque un danno di origine dolosa.

Il Movimento Giovani Padani – in virtù della sua naturale vocazione localista– sposa una visione “ecologica e territoriale”, e si impegna nel rinforzare, anzitutto, il legame tra il popolo e la sua terra; in seconda battuta, esso si impegna nella sensibilizzazione e nella concreta diffusione di una nuova cultura ambientalista, volta alla tutela della propria “Heimat”. Come fronte giovanile del movimento, siamo in dovere di spingere le amministrazioni locali a prevedere sanzioni pesantissime – e senza esclusione di colpi – nei confronti di tutti i trasgressori che ledano la terra in cui viviamo: siano essi speculatori delle ecomafie, oppure semplici piromani, la tolleranza deve essere riposta ai minimi termini.

Appoggiamo con fermezza l’iniziativa del Senatore Candiani – su spinta dei residenti del Sacro Monte – di predisporre “una ricompensa in denaro, che aiuti il lavoro delle Forze dell’Ordine nell’individuare chi delinque”; reputiamo, infatti, che questo sia uno strumento decisamente molto utile e legittimo da parte dei cittadini, i quali verrebbero direttamente coinvolti nella difesa dell’interesse comunitario.

La nota è firmata da
Alessandro Viviani, responsabile ecologia MGP Varesotto e Davide Quadri, Coord. Prov. Giovani Padani e consigliere comunale di Brinzio, comune sede del Parco Campo dei Fiori.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore