Tre tappe e tanta attesa per l’Italian Open Water Tour

L'associazione "I Glaciali" lancia l'edizione 2018 del circuito che si articola sulle traversate di Monate, Maccagno e Noli (Savona)

Traversata Monate 2016

I “Glaciali“, associazione sportiva varesina con sede a Gazzada attiva nell’organizzazione di gare di nuoto in acque libere, lanciano l’edizione 2018 dell’Italian Open Water Tour.

Il circuito accomuna tre gare, due nel Varesotto (Monate e Maccagno) e una in Liguria, a Noli, e per tutte sono già aperte le iscrizioni sul portale della manifestazione (QUI). A Monate si gareggerà il 17 giugno nella tappa ormai storica del circuito; il 15 luglio è in calendario la Traversata dei Castelli di Maccagno tra Lombardia e Piemonte mentre la tappa conclusiva è prevista per il 16 settembre a Noli.

Lo scorso anno il Tour terminò con le premiazioni alla piscina “Cozzi” di Milano alla presenza del campione del mondo dei 25 chilometri, Simone Ruffini, e del bronzo europeo Federico Vanelli.
Tra i vincitori ricordiamo Davide Mandelli e Chiara Lorenzi sulla distanza ridotta, Sandro Vezzani e Maria Lina Perolari su quella lunga (Thomas Giani e Lara Ciceri nella classifica “natural”), gli Attraversatori di Pozzanghere nella prova a squadre (e gruppo più numeroso) e il Gruppo A.P.E. (Mombelli, Cangemi e Arioli) nella staffetta.

Ogni tappa del Tour si svolgerà su tre distanze: smile swim (2.500 metri a Monate e Maccagno, miglio marino a Noli), hard swim (5 Km a Monate e Noli, 6 Km a Maccagno) e la staffetta che prevede tre frazionisti per mezzo miglio di nuoto a testa. Oltre alle classifiche di tappa non mancheranno quelle distintive “natural” (chi gareggia in costumino di stoffa tradizionale), a squadre (i primi 5 tempi sulla smile swim), quella per il gruppo più numeroso e per la staffetta di sole donne.

Chi prenderà il via a tutte e tre le traversate riceverà in regalo un boccale personalizzato, quello del Finisher 2018. I vincitori invece avranno il diritto a partecipare alla traversata dello Stretto di Messina organizzata dall’associazione Baiadigrotta.

La tappa di Monate ha portato alla ratifica di un protocollo tra la Società Nazionale di Salvamento e il Comune di Travedona Monate volto a regolamentare la sicurezza sul lago, fino ad oggi non soggetto ad alcuna regolamentazione. Lo sviluppo naturale del progetto risiede nella regolamentazione del nuoto in acque libere: la tappa di Italian Open Water Tour di Monate appare come l’occasione perfetta per contestualizzare il lavoro svolto.

Tante le collaborazioni volute dai Glaciali nel proprio programma benefico: Terre des Hommes Italia Onlus riceverà un euro per ogni iscritto così da sostenere i progetti per l’infanzia in Centro e Sud America. L’associazione “ricambierà” scendendo simbolicamente in acqua con un proprio Team che si prefigge l’obiettivo di riuscire ad “ospitare” in ogni tappa qualche atleta che riesca ad aumentare la visibilità del progetto. Forte anche la collaborazione con Avis Provinciale Varese con la quale si è giunti alla terza edizione del Trofeo Avis, dal grande significato, in palio tra i soli donatori iscritti alle gare.

Il segno distintivo che unirà le tappe sarà sicuramente anche per quest’anno la fusione di giornate di sport in luoghi meravigliosi con tanta voglia di condivisione e fare festa, non mancherà infatti la birra dell’Associazione varesina Ba-Varese Prost Fest.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 05 febbraio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore