Processo Macchi, «Sentenza ingiusta? La Corte ha operato bene»

L’avvocato Daniele Pizzi replica alla difesa dell’imputato condannato all’ergastolo

Lidia Macchi Story

Nessuna sentenza ingiusta. L’ergastolo per Stefano Binda è la pena giusta e la corte d’Assise ha giudicato in maniera esemplare.

Daniele Pizzi, l’avvocato di parte civile nel processo, replica così ai legali di Stefano Binda, condannato ieri, martedì 24 aprile per l’omicidio di Lidia Macchi.

«Credo che se c’è una cosa ingiusta sia la morte di Lidia, brutalmente trucidata con 29 coltellate dopo aver subito una inaudita violenza sessuale – ha dichiarato Daniele Pizzi . Sono convinto che la Corte d’Assise abbia operato con grande attenzione e meticolosità valutando tutti gli elementi emersi nel corso del processo, sia contro che a favore di Binda».

Nei commenti a caldo dopo la sentenza l’avvocato difensore Sergio Martelli aveva spiegato che «non c’erano elementi per arrivare ad una condanna» e «così com’è questa sentenza è ingiusta».

TUTTI GLI ARTICOLI SU LIDIA MACCHI

di
Pubblicato il 25 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore