Astuti (Pd): “Con la chiusura di Italia sicura a rischio gli interventi sulle scuole”

Astuti chiede che Regione Lombardia solleciti la continuazione del progetto che in provincia di Varese ha permesso di effettuare 253 interventi su 155 edifici

Avarie

Il Consigliere regionale e segretario provinciale del Pd di Varese Samuele Astuti, interviene oggi sulla chiusura dell’agenzia governativa Italia sicura e sugli effetti di questa decisione sull’edilizia scolastica in Lombardia.

«Il cosiddetto Governo del cambiamento, tra i suoi primi atti, ha chiuso Italia Sicura – scrive Astuti – un progetto con cui lo Stato ha finanziato, oltre alla lotta al dissesto idrogeologico e allo sviluppo delle infrastrutture idriche, anche la messa in sicurezza degli edifici scolastici con una spesa di più di 5 miliardi in quattro anni in tutta Italia».

«In Lombardia grazie a Italia Sicura – spiega il consigliere regionale – sono stati effettuati interventi in 1402 edifici scolastici per un investimento complessivo di più di 643 milioni di euro. Quasi tutte risorse messe dal Governo, a parte poco più di 3 milioni di risorse regionali. In Provincia di Varese sono stati effettuati 253 interventi su 155 edifici, per una spesa di oltre 52 milioni di euro. Molti comuni, grazie a Italia Sicura, hanno potuto accedere a finanziamenti per avviare lavori attesi da anni».

La chiusura di Italia Sicura apre un interrogativo sul futuro e sulle priorità del governo Lega M5S. «E ora? Come intende proseguire il Governo l’importante lavoro di risanamento e di messa in sicurezza degli edifici scolastici? Mi auguro – conclude Astuti – che Regione Lombardia chieda quanto prima spiegazioni su questa scelta sbagliata e solleciti la continuazione del progetto Italia Sicura».

Tutti i dati sono consultabili su www.cantieriscuole.it

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore