Adotta uno spazio comune: patto tra cittadini e istituzioni

Il primo esperimento si sta realizzando a San Fermo dove scuola primaria, fondazione Piatti e cittadini stanno lavorando al progetto "orti didattici"

Varese bene comune

Si chiama “sussidiarietà” e chiama in causa i cittadini per la salvaguardia dei “beni comuni”.

Galleria fotografica

Progetto Varese bene comune 4 di 10

Mentre a Palazzo Estense si stanno ultimando i lavori per la definizione di un regolamento ad hoc, patti di collaborazione tra amministrazione varesina e singole realtà associative si stanno stringendo. Obiettivo è quello di prendersi cura di porzioni di territorio o spazi pubblici per contribuire alla bellezza dell’Intera città.

L’iniziativa è stata presentata dall’assessore Dino De Simone che sta lavorando con la cooperativa sociale NATURart ma anche con altre realtà associative e persino soggetti imprenditoriali come l’azienda Elmec che ha da subito sposato il principio ispiratore del progetto.

Grazie appoggio anche dalla Fondazione comunitaria del Varesotto che ha contribuito economicamente e del CSV Insubria, l’ex Cesvov, da sempre attento a ciò che si muove nel mondo del volontariato: « Questo tipo di esperienza – ha detto il Presidente Maurizio Ampollini – risponde all’esigenza di mettersi in gioco ma in un settore diverso da sociale o sanitario».

È incentrato sui temi della cittadinanza attiva e sul protagonismo dei cittadini che collaborano per rendere la propria città un posto più bello e vivibile:  i varesini potranno adottare un’aiuola cittadina, riqualificare, prendendosene cura, aree urbane pubbliche e organizzare iniziative culturali.

Motore dell’orto di San Fermo è la Fondazione Piatti con i suoi ospiti coinvolti nelle attività: « È questo un modo di socializzare e fare integrazione» . La caratteristica principale di questa esperienza è proprio la condivisone: ci si fa carico di un bene comunale e lo si amministra insieme rispettando le esigenze degli altri e i tempi della natura: « Per i nostri bambini – ha spiegato un genitore della scuola IV Rimordi dove è attiva la sperimentazione “Una scuola” – è importante imparare a gestire l’orto e i suoi tempi, ma anche relazionarsi con gli altri e capire vantaggi e limiti che se ne ricavano».

Tra i promotori anche Legambiente Varese che vuole portare in città un progetto molto diffuso in molte realtà italiane e straniere. All’iniziativa partecipa anche l’associazione di promozione culturale Labsus.

Attività, notizie ed eventi sono raccolti nel sito www.varesebenecomune.it dove i cittadini potranno informarsi e valutare ogni possibilità diu collaborazione per mettersi in gioco.

Per conoscere tutti i dettagli e le potenzialità, all’interno dell’area spettacoli alla Fiera di Varese, mercoledì’ 12 settembre, cono inizio alle ore 21, è previsto un incontro sul tema

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 settembre 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Progetto Varese bene comune 4 di 10

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore