Cento dipendenti, volontari per un giorno

Un gruppo di lavoratori di Whirlpool Emea ha trascorso la giornata lavorativa in una delle tre associazioni: Banco Alimentare, Fondazione Piatti e Centro Gulliver

dipendenti di whirlpool volontari per un giorno

Tutti insieme all’insegna della solidarietà e della vicinanza a chi ha più bisogno, impegnati al fianco di organizzazioni no profit per contribuire con il proprio tempo e le proprie energie ad attività socialmente utili.

È questo lo spirito che anima il Community Day di Whirlpool EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) che, per la seconda edizione, nell’area di Varese coinvolge 100 dipendenti e 3 ONG per un totale di 800 ore dedicate al volontariato.

 «Whirlpool vuol dire ricerca, innovazione, investimenti e occupazione – sottolinea Alessandro Magnoni, Direttore Comunicazione e Relazioni Governative di Whirlpool EMEA – ma vuol dire soprattutto vicinanza alle comunità in cui l’azienda opera. Siamo consapevoli dell’impatto positivo che possiamo generare in tutta Europa, Medio Oriente e Africa e questo ci spinge a restituire il più possibile al territorio, anche attraverso iniziative come il Community Day: un’occasione unica per riaffermare con forza i nostri valori grazie al contributo di oltre 500 colleghi-volontari per un giorno».

Per un giorno i dipendenti smettono gli abiti da lavoro per offrire il proprio supporto e interagire direttamente con lo staff delle organizzazioni coinvolte e con gli assistiti, con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza nel consumo alimentare, evitando gli sprechi; aiutare le famiglie in difficoltà a trovare soluzioni abitative sicure e sostenibili e promuovere l’integrazione sociale e l’occupazione giovanile.

“Dare vita a relazioni e rapporti fondati sul reciproco scambio e sul coinvolgimento attivo di tutte le parti coinvolte nelle comunità dove operiamo è un ingrediente principale per il successo aziendale» commenta Karim Bruneo, Corporate Responsibility e Government Relations Manager di Whirlpool EMEA

Per Cassinetta le organizzazioni coinvolte, in linea con gli obiettivi dell’azienda, sono l’Associazione Banco di Solidarietà Alimentare Nonsolopane, la Cooperativa Sociale Centro Gulliver e la Fondazione Renato Piatti ONLUS, tutte operanti nel territorio locale. Tra le varie attività, i dipendenti sono stati impegnati a gestire e smistare prodotti alimentare, intrattenere i ragazzi beneficiari del progetto con workshop ludici e realizzare interventi di giardinaggio e manutenzione.

«Siamo felici di avere nuovamente gli amici di Whirlpool al nostro fianco – dichiara Andrea Benzoni, Presidente di Nonsolopane – “ Condividere il lavoro, condividere il desiderio di bene per la persona, mettersi in gioco, è un’occasione privilegiata per crescere e contribuire a costruire un bene per tutti».

«Lavoriamo quotidianamente per prenderci cura delle relazioni, spesso ferite. Per noi giornate come questa hanno un alto valore terapeutico – racconta don Michele Barban, presidente del Centro Gulliver – Vediamo i nostri Ospiti che lavorano accanto ai dipendenti delle Aziende. Questi momenti sono strumenti di cura a tutti gli effetti: attraverso la relazione tra di loro e con la realtà esterna si misurano. È un banco di prova verso quel reinserimento sociale e lavorativo, vero obiettivo dei nostri percorsi terapeutici».

«Il Whirlpool Community Day è una splendida opportunità per fare inclusione – spiega Cesarina Del Vecchio, Presidente di Fondazione Piatti – La giornata di lavoro che trascorriamo insieme, oltre a realizzare qualcosa di concretamente utile, stabilisce un contatto tra persone che altrimenti non si sarebbero mai conosciute e dà a tutti, ai nostri ragazzi, ai nostri operatori e ai volontari, la consapevolezza di poter essere un’unica comunità».

L’impegno di Whirlpool in ambito di responsabilità sociale d’impresa mira a creare un sistema virtuoso attraverso iniziative di garanzia e tutela del benessere e delle necessità dell’ambiente e delle comunità dei territori dove l’azienda è presente. Un impegno che si traduce quotidianamente nella creazione di soluzioni tecnologiche innovative e a basso impatto ambientale e nella gestione efficiente dei processi di produzione e distribuzione.

Per la seconda edizione del Community Day si ringraziano:

● Cooperativa La Strada – Italia
● Associazione di Promozione Sociale La Rotonda – Italia
● Associazione Banco Alimentare della Lombardia “Danilo Fossati” Onlus – Italia
● Fondazione Mission Bambini – Italia
● ATLHA APS – Italia
● Bee.4 Altre Menti – Italia
● Associazione Banco di Solidarietà Alimentare Non Solo Pane – Italia
● Cooperativa Sociale Centro Gulliver – Italia
● Fondazione Renato Piatti Onlus – Italia
● Associazione Lega del Filo d’Oro Onlus – Italia
● Comunità La Buona Novella – Italia
● Associazione Casa Madonna della Rosa – Italia
● Uit het Niets & Humain – Belgio
● Habitat & Humanisme – Francia
● Sue Ryder – UK
● FoodCycle – UK
● PAB – Peterborough Association for the Blind – UK
● Fundación Randstad – Spagna
● Arep – Spagna
● Národná Transfúzna Služba (NTS) – Slovacchia
● Škola pre nevidiac Levoča – Slovacchia
● Tobias Krajňák – Slovacchia
● Beh Za Tatry – Slovacchia
● Happy Kids – Polonia
● Dom Dziecka Nr.9 – Polonia
● Housing First – Portogallo
● Crescer – Portogallo
● Association des Parents et Amis d’Enfants Inadaptés – Marocco
● Manzil – Emirati Arabi Uniti

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 settembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore