Una “sera in galera”, tornano le cene con delitto organizzate dai detenuti

Torna l'appuntamento con la compagnia teatrale della casa circondariale di Busto. Tre serate aperte a tutti su prenotazione, una scelta alternative anche per i gruppi

Le novità del carcere di Busto Arsizio

Ormai è quasi una tradizione: da novembre a gennaio il carcere di Busto Arsizio e l’associazione L’Oblò organizzano “Una sera in galera”: la cena con delitto dietro le sbarre.

Un’occasione divertente all’insegna del crimine e dell’investigazione. La cena è curata da Enaip in collaborazione con cuochi e camerieri detenuti. Tra una portata e l’altra il pubblico assisterà a uno spettacolo con delitto realizzato dagli attori reclusi della compagnia L’Oblò – Liberi dentro. In questo game a squadre, i convitati potranno calarsi nei panni di scaltri detective, avranno indizi da confrontare e potranno interrogare i sospettati, per tentare di scoprire il colpevole del delitto e aggiudicarsi il premio della serata.

Sono tre gli appuntamenti in programma fra dicembre e gennaio: 30 novembre, il 14 dicembre, il 18 gennaio. È necessario prenotare: entro il 23-11 per la serata del 30-11; entro il 7-12 per la serata del 14-12; entro l’11-01 per la serata del 18-01. Per le prenotazioni compilare il form disponibile a questo link: https://goo.gl/forms/fmveUvzGXwIJBcMx1. Per informazioni scrivere a: obloteatro@gmail.com.

Il ricavato delle serate sosterrà le attività di risocializzazione delle persone detenute e le attività di prevenzione sui temi della legalità dell’associazione. Un’idea diversa per una serata fra amici, ma anche una proposta originale e responsabile per una cena aziendale. «Ci rivolgiamo – spiegano dall’associazione Oblò – ai direttori d’azienda che desiderino organizzare un’occasione sentita e originale di celebrazione natalizia per i proprio dipendenti, un’esperienza di team building, contribuendo allo stesso tempo a sostenere l’impegno sociale della rieducazione carceraria».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore