Una coperta per imparare la solidarietà

Questa mattina, 13 dicembre 2018, consegna della coperta da parte dei bambini della don Bosco agli Angeli Urbani

Una coperta per imparare la solidarietà

Questa mattina, 13 dicembre 2018, consegna della coperta realizzata dai bambini della don Bosco agli Angeli Urbani, per poter scaldare un letto per i senzatetto nella sede dello chalet Martinelli.

Galleria fotografica

Una coperta per imparare la solidarietà 4 di 18

Alla “cerimonia di consegna” hanno partecipato una ventina di bambini in rappresentanza di tutti i piccoli improvvisati “artisti del crochet” insieme alle loro maestre, il presidente degli Angeli Urbani Walter Piazza con la responsabile della comunicazione Piera Cesca, l’assessore all’istruzione Rossella Dimaggio, la presidentessa di Varese in ..maglia Antonia calabrese, associazione che ha aiutato a comporre i quadrati realizzati dai bambini in una coperta, e Agnieska Macconi, madre di uno dei piccoli studenti della don Bosco e “sponsor tecnico”: ha infatti donato alla scuola la lana necessaria per realizzarla attraverso il negozio Brumana, di cui è proprietaria con il marito.

COME SCOPRIRE LA SOLIDARIETA’

Un’occasione, quella della consegna della coperta, per comprendere il valore della solidarietà: «Questo è il primo regalo di gesu Bambino, stasera lo spieghiamo agli ospiti – ha detto ai bimbi riuniti allo Chalet Martinelli Walter Piazza, presidente degli Angeli Urbani – che sono ospitati qui, e ne hanno bisogno».

«Le persone che vedete qui intorno – ha spiegato l’assessore all’Istruzione Rossella Dimaggio – Sono volontari, fanno volontariato: cioè donano una parte del loro tempo per gli altri, quelli che sono in difficoltà. Anche voi l’avete fatto, tutti insieme, realizzando quella coperta».

Piera Cesca ha poi ricordato a chi c’era le attività dello chalet: «Qui chi non ha un tetto viene a dormire, chi non ha vestiti può venirne a prendere, chi ha fame può prendere del pane durante il giorno, che ci dona il banco alimentare, e chi è un po’ malato può chiederci le medicine più semplici, come aspirina e altro».

Alla fine, i bimbi sono tornati a casa anche con dei giochi per la loro scuola: era un regalo degli Angeli Urbani in arrivo dal mercatino della solidarietà che è aperto nei giorni del mercato di Varese (lunedì, giovedì e sabato), dove si può prendere roba usata e regalata agli “Angeli” lasciando un’offerta.

 

 

 

 

 

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 13 dicembre 2018
Leggi i commenti

Foto

Una coperta per imparare la solidarietà 3 di 18

Galleria fotografica

Una coperta per imparare la solidarietà 4 di 18

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore