Ha un nome il cadavere ritrovato murato a Senago

Si tratterebbe di un uomo albanese scomparso da Genova nel 2013. Ora si indaga per omicidio

gazzella carabinieri

Ha un nome il cadavere ritrovato nei giorni scorsi a Senago, località in provincia di Milano a pochi chilometri da Saronno.

Secondo gli inquirenti il corpo, trovato murato in una parete dell’elegante complesso residenziale “Villa degli Occhi”, sarebbe quello di Astrit Lamaj, un albanese scomparso nel 2013 da Genova all’età – allora – di 41 anni del quale dal momento della denuncia non si sono avute più notizie.

Ad aiutare i Carabinieri nell’identificazione sarebbero stati i resti dei vestiti trovati addosso al cadavere, che coincidono con quelli indossati dall’albanese al momento della sua scomparsa dal capoluogo ligure. Lamaj aveva alcuni precedenti legati al mondo della droga ed era considerato vicino ad ambienti criminali. Ora le indagini – segnala l’Ansa – sono affidate ai carabinieri del Nucleo Investigativo di Monza e coordinate dalla Procura della città brianzola.

Gli inquirenti parlano di “indubbia vittima di evento violento”, quindi l’ipotesi più accreditata è quella dell’omicidio.
Le indagini ora dovranno provare a svelare il nome dell’autore o degli autori del delitto, oltre che le cause precise della morte ed eventualmente la località in cui questo è avvenuto. E poi bisognerà capire come il cadavere sia stato murato proprio in una parete a Senago.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 gennaio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore