Vamping: passare la notte sui social già a 11 anni

Il primo profilo a 9 anni e in poco tempo molti minori sviluppano una forma di dipendenza dallo smarphone da cui faticano a staccarsi a scuola e persino di notte

Generico 2018

Il Vamping è l’abitudine dei ragazzini di trascorrere numerose ore notturne connessi alla rete, per chattare, parlare o giocare con amici e fidanzatini. Un’attitudine che già nell’età della preadolescenza, tra gli 11 e i 14 anni, coinvolge 4 ragazzini su 10 e aumenta nella fase delle scuole superiori (6 ragazzi su 10).
Sono questi alcuni dei risultati dello studio condotto dall’Osservatorio nazionale adolescenza guidato da Maura Manca su un campione di oltre 8 mila ragazzi di età compresa tra 11 e 19 anni.

LE CONSEGUENZE
Il Vamping crea quindi una carenza di sonno cronica che porta a maggiore irascibilità e difficoltà di concentrazione che si ripercuotono negativamente sulla vita scolastica dei ragazzi e facilitano l’insorgenza di stati d’ansia.

I NUMERI
Lo studio della dottoressa Manca rivela che il 15% dei ragazzini abbia addirittura l’abitudine di svegliarsi nel cuore della notte per controllare le notifiche.
A 10 anni il 98% dei ragazzini possiede un proprio cellulare. E la maggior parte di loro a 9 anni possiede già il primo profilo social. Si tratta di giovanissimi che hanno iniziato a usare lo smartphone nella primissima infanzia, già a partire da 1 – 2 anni (almeno 3 ragazzini su 10), “con la possibilità anche di accedere liberamente ad internet e alle applicazioni presenti nel telefono”. Il genitore si sente tranquillo se il figlio utilizza il proprio cellulare pensando che non usi tutte le sue funzioni o non vada su Internet. Ma non è così.

A SCUOLA
Con il trascorrere degli anni e l’evolversi della tecnologia si abbassa vertiginosamente l’età di utilizzo dei dispositivi digitali, ma il problema vero è il controllo degli adulti su questo utilizzo. Il 55% dei ragazzini tra 11 ai 13 utilizza lo smartphone per un massimo di 2 ore, il 35% dalle 3 alle 6 ore, il 7% dalle 7 alle 10 ore e il 4% supera le 10 ore. Il 13% di loro lo usa anche durante l’orario scolastico, rispetto al 63% dei ragazzi delle superiori.

PORRE DEI LIMITI
Per prevenire il fenomeno del Vamping e in generale alle conseguenze dell’abuso di tecnologia digitale, pediatri educatori e psicologi sono concordi nel consigliare innanzi tutto prevenzione, stabilendo con bambini e ragazzi delle regole precise e dei limiti all’uso dei dispositivi, abituando i figli sin da piccoli a non abusarne. Il buon esempio degli adulti, assieme alle regole, sono fondamentali.

di
Pubblicato il 23 gennaio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore