La Pro Patria è tosta, Pro Vercelli fermata sullo 0-0

Al "Piola" contro la prima in classifica, i tigrotti giocano con grande personalità e si portano a casa un ottimo pareggio

Pro Patria - Pontedera 1-0

Senza timore e con tanta sofferenza la Pro Patria strappa un punto d’oro al “Silvio Piola” di Vercelli. Il pareggio a reti bianche conferma la bontà del percorso dei ragazzi di Ivan Javorcic e sopratutto la solidità difensiva che è ormai un punto fermo del piano di gioco del tecnico croato.

Bustocchi che salgono così a 37 punti, sempre alla posizione numero 7 della classifica, aspettando ovviamente i recuperi di questo campionato-spezzatino e la comunicazione della radiazione del Pro Piacenza.

Lo 0-0 in terra piemontese è il buon inizio di una settimana che probabilmente sarà la più tosta affrontata fin ora, dato che dopo la sfida di mercoledì in casa contro il Novara (per il derby del Ticino), i tigrotti saranno attesi domenica a Piacenza, per un tour de force che ci saprà dire tanto sulle ambizioni dei biancoblu.

IL PRIMO TEMPO – Inizio partita nel quale i padroni di casa rischiano subito di andare in vantaggio. Al 7’ infatti Mammarella pennella un cross perfetto per la testa di Morra, che colpisce la traversa. Sulla respinta Azzi appoggia in porta ma il gol è annullato vista la posizione di fuorigioco del giocatore brasiliano. Ospiti che rispondono un minuto dopo con Le Noci, che da fuori area calcia di destro
venendo però bloccato da Nobile. Tanta bagarre a centrocampo, con i bianchi che
progressivamente aumentano il pressing e dominano a tratti il gioco, non riuscendo però a creare vere e proprie occasioni. Al 27’ primo brivido per Nobile, costretto a intervenire in due tempi su una fucilata al volo di Mastroianni da fuori area. La punizione di Mammarella, potente ma poco precisa, al 39’, chiude temporaneamente la contesa.

LA RIPRESA – Secondo tempo che ricalca di molto il canovaccio del primo. Bisogna aspettare il 59’ per la prima occasione, quando Mammarella sbaglia un disimpegno difensivo, servendo Mastroianni. Il centravanti bustocco calcia di punta ma trova sempre Nobile a sbarrargli la strada. Durante la partita il monologo vercellese è equilibrato con le azioni di contropiede con le quali gli ospiti
cercano di dare un po’ di ossigeno alla retroguardia, che comunque reggerà per tutti e novanta i minuti. Non ci sono occasionissime, solo una Pro Vercelli che tiene i tigrotti asserragliati a più riprese in area: da situazioni come questa nascono la doppia occasione di Bellomo (di tacco) e Berra (di testa) all’81′, e quella di Comi al 91’, che viene fermato solo da una strepitosa parata di Tornaghi. Al 92’ Nobile fa una pazzia, esce palla al piede dall’area e si fa scippare il pallone da Santana. A questo punto è costretto ad usare le mani e quindi viene espulso. Visto che la squadra ha esaurito i cambi, in porta ci va Comi, che ha tempo di esibirsi in un uscita con i pugni e a trattenere l’ultimo cross della partita.

PRO VERCELLI – PRO PATRIA 0-0 (0-0)

FC PRO VERCELLI 1892 (3-4-1-2): 22 Nobile; 2 Berra, 5 Tedeschi, 28 Crescenzi; 27 Azzi (32′ s.t. 10 M. Gatto), 20 Emmanuello (19′ s.t. 18 Schiavon), 14 Bellemo, 3 Mammarella; 19 Mal (40′ s.t. 9 Comi), 36 Gerbi (19′ s.t. 11 L. Gatto), 32 Morra. A disposizione: 1 Moschin, 4 Sangiorgi, 13 Milesi, 17 Rosso, 21 Grillo, 23 Volpe, 29 Iezzi, 30 Foglia. All. Grieco.
AURORA PRO PATRIA 1919 (3-5-2): 1 Tornaghi; 5 Molnar, 19 Zaro, 18 Lombardoni; 20 Mora, 21 Colombo, 14 Bertoni (15′ s.t. 16 Fietta), 24 Pedone (25′ s.t. 3 Galli), 25 Sane; 10 Le Noci (42′ s.t. 11 Santana), 17 Mastroianni (42′ s.t. 9 Gucci). A disposizione: 12 Mangano, 4 Battistini, 7 Parker, 8 Disabato, 13 Gazo, 15 Boffelli, 23 Ghioldi, 27 Cottarelli. All. Javorcic.
ARBITRO: Francesco Meraviglia di Pistoia (Dario Garzelli della Sezione di Livorno e Salvatore Buonocore della Sezione di Marsala).
Angoli: 11 – 2. Recupero: 0′ p.t. – 5′ s.t. Ammoniti: Bertoni (PP); Crescenzi (PV). Espulsi: Nobile al 47′ s.t. per fallo di mano fuori area. Note: Giornata fredda e nuvolosa. Terreno di gioco (sintetico) in buone condizioni.

di
Pubblicato il 10 febbraio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore