Donna Sicura, un nuovo sportello contro la violenza

Dopo Sesto Calende e Luino, una nuova sede per la rete che aiuta le vittime di violenza. L'apertura è in programma sabato 23 marzo

Violenza sulle donne

I numeri del Centro Antiviolenza DONNA SICURA parlano chiaro: circa cento donne ogni anno si rivolgono alle operatrici dell’associazione per ricevere ascolto, sostegno legale e psicologico, orientamento al lavoro e all’autonomia abitativa. L’operato di questo gruppo di oltre 40 donne impegnate per sostenere altre donne, è in costante crescita dal 2009, con l’apertura dello sportello di Sesto Calende nel 2014 e di Luino nel 2017, merito – ci auguriamo – della maggiore consapevolezza e informazione sul fenomeno della violenza, da cui sempre più donne decidono di uscire, per se stesse e per i loro figli, cercando aiuto e orientamento su cosa e come fare per lasciarsi alle spalle una vita fatta di soprusi e umiliazioni fisiche, psicologiche ed economiche.

«Dieci anni fa sul nostro territorio mancava un punto di riferimento per le donne che volevano uscire dalla violenza di genere – dice la Dott.ssa Luongo, Presidente dell’Associazione – Insieme ad altre professioniste e fondatrici come la vicepresidente Rosaline Dispirito, la psicologa Elena Sartorio e Rossella Crippa medico dell’Ospedale di Angera, abbiamo iniziato a costruire delle risposte e degli spazi dedicati alle donne che, con percorsi spesso difficili e complessi, decidono di riprendere in mano la loro vita».

Il lavoro delle volontarie è indefesso e delicato. Prima di incontrare le donne, infatti, occorre seguire dei corsi di formazione e un lungo affiancamento alle più esperte. Con il tempo anche Regione Lombardia ha deciso di sostenere l’azione dei centri antiviolenza, che da anni erano già operativi e negli ultimi anni ha promosso la costituzione di Reti territoriali per la gestione dei primi finanziamenti pubblici, la nostra ha come capofila il Comune di Varese.

Esiste anche un Albo, che garantisce la qualità degli operatori, avendo assorbito la competenza di chi operava già prima di questa istituzionalizzazione, con una metodologia solida creata in anni di esperienza. Le istituzioni iniziano ad essere presenti ma l’anima resta quella del volontariato, vissuto con impegno, dedizione, empatia e professionalità per rispondere in modo rapido e preciso ai bisogni delle donne, che nelle operatrici trovano delle alleate con cui crescere e tornare ad essere libere.

È garantita l’apertura quotidiana del Centro Antiviolenza Donna SiCura di 3 ore al giorno per 5 giorni a settimana, festivi compresi, alternando le aperture tra mattina e pomeriggio in modo da favorire l’accesso secondo le necessità, oltre alla reperibilità h24 per ospedali e Forze dell’Ordine.

In questi 10 anni e’ stato fondamentale il sostegno e lo stanziamento di risorse dei Sindaci e degli Assessori ai Servizi alla Persona dei Comuni di Travedona Monate di Sesto Calende e di Luino. Sabato 23 Marzo alle ore 10, a Travedona Monate in via G. Mazzini n 149, Donna Sicura apre la nuova sede, accogliente e spaziosa, che permetterà nuovi stimoli e azioni importantissime per unire e rafforzare gli sforzi per combattere tutte le forme di violenze sulle donne e sui minori.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.