Cosa pensano i giovani dell’Europa? Incontro al Salone estense

Antonio Padoa Schioppa, Marco Onida e Roberto Maroni partecipano all'incontro sabato 11 maggio preparato dagli studenti del liceo Cairoli

europa elezioni europee

L’Europa e i giovani. Il rapporto che vivono i ragazzi con l’istituzione sovranazionale sarà al centro di una convention che vedrà protagonisti gli studenti del liceo classico Cairoli di Varese.

È il frutto di un impegno in alternanza Scuola/Lavoro denominato “Europe Tomorrow” avviato due anni fa dal Laboratorio Europeo di Varese, con il sostegno della Fondazione Maria Giussani Bernasconi (www.fondmariagiussanibernasconi.eu).

La Convention “La parola ai giovani: l’Europa, nostro spazio vitale!” si terrà sabato 11 maggio dalle ore 11:30 alle ore 17:00 presso il Salone Estense del Comune di Varese, sulle aspettative dei giovani con riguardo al futuro dell’Europa.

Il lavoro preparatorio alla Convention è consistito principalmente nella somministrazione, da parte di un gruppo di studenti del Liceo Classico Cairoli, di un sondaggio sull’euroscetticismo a un campione di circa 500 varesini di età compresa tra i 18 e i 24 anni, adeguatamente distribuiti per sesso e provenienza (studenti, lavoratori, ecc.). Il risultato di tale sondaggio, realizzato con il supporto di professionisti sondaggisti della Nextest di Milano hanno evidenziato che i giovani varesini ritengono che:

– le cose andrebbero comunque peggio senza l’UE;

– l’UE è attualmente solo in costruzione;

– l’identità europea si aggiunge a quella nazionale italiana, non la cancella;

– il vero e principale difetto dell’attuale UE è la gestione delle politiche dell’immigrazione.

La Convention dell’11 maggio, dedicata al pensiero federalista di Luigi Zanzi (1938- 2015, cfr. Il federalismo e la critica della ragion politica – Un altro futuro dell’Europa e dell’Umanità, Piero Lacaita Editore, Roma, 2014), sarà strutturata in maniera tale che i giovani divisi in differenti gruppi di lavoro, avvalendosi anche del supporto del libro di Antonio Padoa Schioppa, Perché l’Europa (Ledizioni editore), rielaboreranno e discute ranno i risultati del sondaggio, predisponendo poi rilievi e domande da sottoporre ai relatori, i quali esporranno il proprio punto di vista sul futuro dell’Europa.

Hanno aderito alla Convention relatori autorevoli, tra cui Antonio Padoa Schioppa (professore emerito dell’Università degli Studi di Milano), Massimo Gaudina (Capo rappresentanza Commissione UE a Milano), Roberto Maroni (già Ministro dell’Interno e Presidente della Regione Lombardia), Marco Onida (Commissione Europea, Direzione generale della politica regionale e urbana), Elly Schlein (europarlamentare).

La Convention è aperta alla cittadinanza e ha lo scopo di creare un dibattito costruttivo e formativo rispetto all’attuale e urgente tema “Europa”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore