Scontro Paragone-Cassani sotto le finestre del municipio

Il senatore 5 Stelle al sindaco "Dimettiti" e la replica "Ipocrisia senza Paragone". Faccia a faccia tra gli attivisti del movimento davanti a Palazzo Borghi

Duro scontro a Gallarate tra il sindaco Andrea Cassani e il pentastellato Gianluigi Paragone questa mattina, domenica. Il senatore, arrivato in città per sostenere il flash mob organizzato dai Cinque Stelle per chiedere le dimissioni di Cassani, ha parlato di un sistema feudale da sradicare in città: “Abbiamo dato la possibilità al sindaco di liberarsi e liberare la città da presenze ingombranti (si riferisce a Gioacchino Caianiello, ndr)”.

Qui tutti gli articoli sulla vicenda giudiziaria

La replica di Cassani non si è fatta attendere; il sindaco è infatti sceso in piazza per replicare ai militanti grillini, e non ha usato mezzi termini: “Perché non siete a Roma, dove la vostra sindaca ha il presidente del Consiglio comunale in carcere e diversi indagati, o a Torino? Siete di un’ipocrisia senza paragone. Io non sono indagato, e venite a chiedere le mie dimissioni?”.

La risposta di Paragone: “Sei sindaco perché hai un sistema di potere alle tue spalle gestito da Caianiello. Gallarate ha ancora le scorie del suo sistema. Dimettiti e ripresentati con persone pulite”.

di
Pubblicato il 19 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore