Whirlpool, se il collega sta male puoi cedergli le ferie

I soggetti idonei che ne faranno richiesta potranno avere diritto fino a 22 giornate all’anno di permesso in aggiunta a quelle già spettanti da contratto. Il sistema garantisce l'anonimato

whirlpool

Nello stabilimento Whirlpool Emea di Cassinetta di Biandronno dove, grazie a un accordo tra l’azienda e le rsu, sarà possibile per ogni dipendente cedere a titolo gratuito ferie e Par (permessi annui retribuiti) non solo ai colleghi che abbiano figli con necessità di cure costanti, ma anche a colleghi affetti da gravi patologie.

L’accordo non è fresco di firma ma risale allo scorso marzo e rappresenta un’estensione dell’istituto del banco ore solidale introdotto con il Jobs Act , includendo anche i colleghi portatori di gravi patologie tra i potenziali destinatari della misura di solidarietà.

I dipendenti possono donare Par e ferie eccedenti il monte ore a fruizione obbligatoria nella quantità minima di un giorno lavorativo, mentre i soggetti idonei che ne faranno richiesta potranno avere diritto fino a 22 giornate all’anno di permesso in aggiunta a quelle già spettanti da contratto.

Il monte ore solidale, attivato a favore dei colleghi in difficoltà, è gestito dall’ufficio delle risorse umane nel pieno rispetto della privacy e dell’anonimato del richiedente. Le ore solidali donate da ogni collega sono infatti registrate e trattenute in un bacino virtuale fino a richiesta diretta da parte del beneficiante.

Non è il primo di questi accordi in provincia di Varese. Nel 2017 alla Vodafone Automotive di Varese le parti sociali siglarono un accordo per la cessione gratuita delle ferie a quei colleghi che dovevano accudire i figli malati.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore