Il sindaco scrive ai campioni di robotica in partenza per Sidney: “In bocca al lupo”

La lettera di Mirella Cerini per i sei ragazzi che parteciperanno alla finale mondiale di Robocup che quest'anno si svolge in Australia. Per farli partire è intervenuto anche Gerry Scotti

gerry scotti fabrizio sala scuola manzoni castellanza robocup

Il sindaco di Castellanza Mirella Cerini scrive ai sei alunni delle scuole medie di Castellanza che parteciperanno alla finale di Robocup Junior in Australia. La loro partecipazione all’evento, in qualità di campioni italiani della categoria on stage, è stata sponsorizzata addirittura da Gerry Scotti che qualche giorno fa ha portato a scuola l’assegno da 5 mila euro per coprire la cifra totale necessaria alla copertura del viaggio e della permanenza a Sidney del gruppo (gli altri 10 mila euro erano stati donati da varie associazioni di categoria e imprese del territorio). Di seguito la lettera in cui augura ai ragazzi buona fortuna.

Gli alunni della 3A delle Manzoni volano a Sidney grazie a Gerry Scotti

“In bocca al lupo” ad Antonio Fiamingo, Federico Foà, Ludovica Forloni, Ludovica Galuppi, Aysuh Kumar e Giulia Spanò.

Sono i sei ragazzi castellanzesi del nostro Istituto Comprensivo che, dopo aver vinto i Campionati Italiani di Robocup lo scorso mese di Aprile a San Giovanni Valdarno, ora si apprestano a “volare” a Sydney dove rappresenteranno l’Italia ai Campionati Mondiali di Robotica Robocup nella categoria On Stage.

Sì perché i nostri giovanissimi ambasciatori della ricerca, guidati dalla valente professoressa Emanuela Da Ronch, sono riusciti a coronare il loro sogno e a fine mese partiranno per l’Australia.

A loro vanno i miei complimenti e quelli di tutta la cittadinanza di Castellanza e un grandissimo “In bocca al lupo” perché possano conquistare la medaglia d’oro mondiale. Siamo orgogliosi di voi e da qui vi sosterremo fortemente perché possiate dimostrare tutto il vostro valore e la vostra bravura tenendo alto il nome della nostra Castellanza.

Il mio grazie e quello di tutta la cittadinanza di Castellanza va a queste ragazze e ragazzi, alla prof. Da Ronch per l’enorme impegno profuso e a tutti coloro che hanno reso possibile il coronamento di questo sogno contribuendo in maniera fattiva al raggiungimento del budget necessario per intraprendere il viaggio: grazie ai privati cittadini, ai genitori degli alunni dell’istituto, alle aziende, alle associazioni, agli enti del territorio, all’Istituto Comprensivo cittadino, a Regione Lombardia.

Ora non resta che “tifare” perché Tino e Tina, i “cestini-robot” per la raccolta differenziata della carta, progettati dai nostri sei alfieri castellanzesi possano incantare il mondo.

In bocca al lupo ragazzi.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 18 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore