Ndrangheta, all’interrogatorio di garanzia gli indagati non rispondono

Sentiti dai magistrati milanesi Emanuele e Salvatore De Castro, Vincenzo Rispoli ed Enzo Misiano, tutti si sono “avvalsi”

Milano generica

Prime battute procedurali dopo l’ondata di arresti per associazione a delinquere legata alle cosche di ‘ndrangheta calabresi che controllano Lonate Pozzolo, nella zona di Malpensa.

Dopo l’esecuzione delle 28 ordinanze di custodia cautelare in carcere è il tempo dei primi interrogatori di garanzia.

Si sono svolti lunedì 8 luglio a Milano di fronte al Gip alcuni dei personaggi ritenuti “chiave” nell’inchiesta denominata Krimisa. Sono stati sentiti Emanuele e Salvatore De Castro, Vincenzo Rispoli ed Enzo Misiano, quest’ultimo considerato il tramite delle cosche con le pubbliche amministrazioni che gravitano nei dintorni di Malpensa.

Tutti – assistiti dai loro legali – si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore