Come rilanciare l’Ondoli: la popolazione invitata a un incontro

Giovedì 18 luglio, le Associazioni Aiuto, CittadinanzAttiva – Tribunale per i Diritti del Malato e Noi per l’Ospedale presenteranno il progetto Zero99

ospedale angera carlo ondoli

Quale futuro per l’ospedale di Angera? Se ne discuterà giovedì 18 luglio in un incontro pubblico nella sala consiliare del comune dalle ore 20.30.

Al centro dell’incontro un progetto di sviluppo prodotto dalle Associazioni AIUTO e CittadinanzAttiva – Tribunale per i Diritti del Malato e dal comitato civico Noi per l’Ospedale che da diversi mesi stanno monitorando la situazione dell’ospedale Ondoli. Il documento, dal titolo Zero99, verrà presentato0 nel corso della serata e proposto alla Direzione Generale della ASST Sette Laghi.

«Sono state studiate e valutate – si legge nel documento di presentazione –  l’attuale situazione territoriale e la richiesta di determinati servizi, necessari per i cittadini, specialmente per i pazienti con difficoltà a trasferirsi come per esempio gli anziani ed i disabili; lo studio dei servizi più idonei ai bisogni della popolazione che vive sul territorio ha permesso di elaborare un progetto di riqualificazione dell’Ospedale C. Ondoli.

Siamo fermamente convinti che la salute, fondamentale per la salute dei cittadini, sia un bene comune che non si vuole perdere, in effetti è un bene patrimonio che non deve essere sperperato in quanto le donazioni sono state effettuate affinché servissero alla popolazione del territorio, affinché si potesse usufruire di servizi ospedalieri in una struttura idonea alle cure della persona; noi, insieme alla popolazione del nostro territorio, non vogliamo perdere questo bene comune fondamentale per la salute del cittadino.

Il progetto, denominato Zero99 perché vuole riferirsi alla salvaguardia della salute pubblica di tutti i cittadini di tutte le età, come stabilito anche dell’articolo 32 della Costituzione Italiana, inizialmente prevede l’attuazione di 4 punti ritenuti essenziali:
il potenziamento del Pronto Soccorso, sia del personale che delle strutture collegate; l’attuale servizio, oltre che essere insufficiente nel fornire le prestazioni risulta carente anche nella qualità delle stesse;
il potenziamento degli Ambulatori, sia per le prime visite che per il prosieguo delle cure, ambulatori che devono essere giornalmente a disposizione della cittadinanza e per tutte le patologie;
il potenziamento della Diagnostica, che deve essere a disposizione della cittadinanza per la possibilità di effettuare in loco esami radiologici, ecografici e quant’altro necessario, specialmente per i pazienti con difficoltà a trasferirsi come sopra specificato;
il mantenimento del Laboratorio di Analisi, che non deve essere trasferito in altra sede, principalmente per la necessità di essere prossimo agli ambulatori ed all’utenza del territorio, in aumento grazie agli utenti provenienti da Arona e da Castelletto Ticino.

Raggiunto il completamento di questi 4 punti essenziali, ottenuta garanzia dalla Direzione Generale della ASST Sette Laghi della loro attuazione, procederemo nella collaborazione con la Direzione Generale per la riqualificazione dell’Ospedale C. Ondoli, avendo come traccia anche le indicazioni che ci verranno dal confronto con la popolazione del 18 luglio prossimo.

Pertanto confidiamo che giovedì prossimo la popolazione interverrà numerosa alla presentazione del progetto Zero99, così da poterci confrontare ed ottenere il consenso ed il sostegno, necessari come prova della volontà del territorio di procedere in questa direzione».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore