Sono ripartiti i campionati italiani Raffa Serie A e A2

La prima giornata che ha visto al via sedici compagini suddivise in due gironi: si daranno battaglia con incontri di andata e ritorno, come il solito accesissimi, per promuovere infine le elette che si disputeranno l’ambito titolo italiano

Bocce varie

L’appassionante Campionato italiano a squadre, specialità raffa, ci aveva lasciato a giugno con il perentorio successo della milanese MP Filtri Caccialanza che, a San Giovanni in Persiceto, aveva prima sbaragliato in semifinale i romani della Boville poi in finale i trevigiani della Fashion Cattel con l’identico punteggio di 5-1.
È ripreso sabato 12 ottobre con la prima giornata che ha visto al via sedici compagini suddivise in due gironi: si daranno battaglia con incontri di andata e ritorno, come il solito accesissimi, per promuovere infine le elette che si disputeranno l’ambito titolo italiano.

Cambiato lo spartito, quasi immutata la sinfonia. La Caccialanza ha stritolato, come da attese, per 6 a 2 la malcapitata neo-promossa Castelverde di Roma – del resto solo guardando i componenti della formazione meneghina c’è da rimanere affascinati dai nomi che la compongono: Formicone, campione del mondo in carica, Viscusi, medaglia di bronzo in coppia mista ai medesimi campionati mondiali argentini, i due Luraghi e Zovadelli, onusti di titoli, e infine Gusmeroli, uno dei giovani più scatenati, anche lui già plurititolato -, mentre la Fashion Cattel, per non essere da meno, nel secondo girone ha regolato con il medesimo risultato i marchigiani della Fontespina.

Semmai suscita una certa sorpresa la sconfitta della Boville di Marino che ha pensato di mantenere lo stesso punteggio, ma a parti invertite: netta la sconfitta subita dai teramani della Nova Inox di Mosciano. In questo sfolgorante inizio fa molta tristezza scorrere i nomi delle squadre che disputano i due campionati di Serie A e di Serie A2: è scomparsa la compagine che faceva inorgoglire i varesini, campione d’Italia solo nel 2016. Ha cessato l’attività l’Alto Verbano, il cui titolo sportivo è stato rilevato dalla società Possaccio di Verbania/Cuvio/Ossola.

Per gli appassionati della Provincia di Varese è una perdita difficile da assimilare, la ferita continua a sanguinare: rimane loro la possibilità di tifare per Possaccio, che annovera fra i suoi componenti di maggior spicco l’icona delle bocce varesine, Massimiliano Chiappella. Tutti sperano che i verbanesi possano salire in Serie A il prossimo anno. Per ora dirompente successo per 7-1, in trasferta, con la Familiare Tagliuno di Castelli Caleppio: se i proverbi, definiti la saggezza dei popoli, ieri hanno detto il vero – chi ben comincia … – aspettiamoci un campionato almeno spumeggiante.

PILLOLE DI BOCCE
Lunedì 14 ottobre – Crenna – Inizio gara F.lli d’Italia a coppie
Lunedì 14 ottobre – Taino – Inizio gara Basso Verbano a coppie
Lunedì 14 ottobre – Gorla Maggiore – Inizio gara a coppie

di
Pubblicato il 15 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore