Molti definiscono le bocce un gioco ed è un errore. Semmai, è anche un gioco, come lo sono il calcio, il basket o il volley. Praticare lo sport delle bocce richiede precise qualità atletiche, capacità di concentrazione, precisione e coordinamento. La sua dimensione popolare e in alcuni casi conviviale lo ha fatto percepire come un semplice gioco, mentre in realtà è molto di più. Questo sport, come insegna Roberto Bramani Araldi, racchiude più dimensioni: da quella sportiva a quella sociale, da quella ludica a quella terapeutica, che ritrovano la loro unità in un ipotetico Regno, quello delle bocce, appunto. Un regno senza sudditi, ma con tanti protagonisti: celebrati campioni internazionali, amatori ad oltranza e dilettanti ben organizzati che raramente vanno allo sbaraglio. Una tradizione sportiva che si perpetua di generazione in generazione dalle spiagge estive ai campi dei vari circoli. Oggi un po’ in difficoltà, come altre discipline, ma ancora in grado di mobilitare la partecipazione e l’entusiasmo di intere comunità.

Bocce varie

Bocce

Bocce a Ternate tra mito e mistero

Nel campionato di promozione la sfida con la Bederese ha riservato non poche sorprese. In serie A Caccialanza perde contro i teramani di Mosciano che si piazzano al secondo posto in classifica

Bocce varie

Bocce

Bocce, a Cuvio in scena una settimana pirotecnica

C’è grande voglia di ritornare alla piena attività agonistica come dimostrano le finali del secondo Memorial Romano Luini il primo Memorial Mario Pianezza. In serie A continua la corsa solitaria di Caccialanza

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.