LU-VE dà il via alla produzione negli stabilimenti in Cina e in Polonia

Continua il rafforzamento all’estero della multinazionale varesina dopo l’ampliamento degli impianti in Europa e Asia

lu-ve uboldo

LU-VE, gruppo italiano quotato su MTA e terzo operatore mondiale nel settore degli scambiatori di calore ad aria, annuncia di aver dato il via all’attività produttiva nei nuovi stabilimenti in Cina e in Polonia, costruiti nell’ambito di un piano di sviluppo internazionale che punta sui mercati con forte potenziale di crescita in Asia ed Europa.

Situato a Tianmen nella Provincia dello Hubei (Cina centromeridionale), il nuovo stabilimento cinese di LU-VE dedica alla produzione 15.000 metri quadri – il doppio rispetto al precedente sito di Changshu (Area di Shanghai) – dei 19.000 totali, sfruttando una riduzione dei costi di affitto, un efficientamento dei processi produttivi e una maggiore vicinanza ai principali clienti in Cina. Con i suoi quasi 60 milioni di abitanti, la Provincia dello Hubei è infatti un hub politico, culturale ed economico della Cina Centrale. “LU-VE Tianmen” potrà inoltre godere delle agevolazioni e dei vantaggi che il Governo cinese garantisce nell’ambito del progetto “Belt and Road Initiative” (la nuova Via della Seta) che ha il duplice obiettivo di collegare la Cina all’Europa e di attrarre gli investimenti delle imprese straniere nelle zone interne e occidentali del Paese. L’avvio dell’attività del nuovo stabilimento, che occuperà circa il 90% dei lavoratori prima presenti a Changshu e che hanno seguito l’azienda, conferma l’impegno dell’impresa italiana verso uno sviluppo economico sostenibile in Cina. Grazie alla fornitura di tecnologie all’avanguardia nell’ambito della refrigerazione industriale, infatti, è possibile ridurre l’impatto ambientale dei processi produttivi, così come indicato nelle linee guida della “Legge sulla protezione dell’ambiente”, voluta dal Presidente Xi Jinping.

L’espansione di LU-VE prosegue anche in Europa e in particolare in Polonia: recentemente è stata avviata l’attività anche nel sito della controllata SEST LU-VE Polska, con 21.000 metri quadri dedicati alla produzione sui 60.000 totali del terreno, acquistato a maggio 2017 nel parco economico di Gliwice. L’espansione di LU-VE in Polonia è finalizzata a cogliere le grandi opportunità di crescita offerte dal mercato polacco, già oggi secondo Paese per l’export dell’impresa italiana in Europa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore