De Tommaso e Crugnola guidano l’assalto dei varesini a Monza

Tra il 6 e l'8 dicembre si corre la tradizionale gara di chiusura stagione: anche Marciello in gara. Una decina i nostri piloti iscritti. Scelte le date del "Laghi": 28 e 29 marzo 2020

Monza Rally Show 2018

Meno mediatico rispetto al passato, per via dell’assenza di Valentino Rossi e del contorno che di solito si sviluppava con il “Dottore” in pista, ma forse più interessante dal punto di vista agonistico visto che la gara vedrà di fronte un gran numero di vetture R5 con tanti piloti che sotto il profilo tecnico partono (quasi) alla pari. Il Monza Rally Show che si disputa nel fine settimana rappresenta come al solito la chiusura della stagione di corse e porta con sé comunque un certo interesse per quanto accade a livello sportivo.

La gara brianzola è una sfida per gli equipaggi che sta a metà tra le abilità rallystiche e le qualità dei pistaioli, spesso è condizionata da un meteo non sempre clemente e dagli orari di corsa che possono riservare qualche ulteriore difficoltà (leggi brina e nebbia): insomma, per ben figurare servono tecnica, velocità ed esperienza oltre che un pizzico di fortuna che nelle corse (e nello sport) non guasta mai.

In questo quadro, il Varesotto che corre si presenta al Parco Reale da protagonista: l’elenco dei nostri piloti impegnati a Monza è lungo e porta con sé anche due “star” intenzionate a puntare in alto: Damiano De Tommaso e Andrea Crugnola. I due, rispettivamente con i numeri 5 e 6 sulle fiancate, vogliono chiudere alla grande un’annata importante: il 23enne brebbiese ha vinto la IRCup con lo stesso “pacchetto” (Skoda Fabia del team Munaretto con Giorgia Ascalone a fianco) che gli ha dato l’alloro nel campionato marchiato Pirelli; il 30enne di Calcinate del Pesce, secondo nel CIR, si presenta al via con Pietro Ometto e la Volkswagen Polo di HK Racing con cui ha sfiorato il tricolore assoluto.

Ma l’Autodromo Nazionale è pronto a ospitare le accelerazioni e le staccate di tanti altri volti noti dalle nostre parti. La presenza più curiosa è quella di Raffaele Marciello, lo specialista della pista (e ora dell’endurance) cresciuto in Ferrari e recente vincitore a Macao con la Mercedes Amg Gt3: per lui la Citroen C3 numero 53 navigata da Alessandro Nolli. Ben più avanti nell’elenco (numero 19) c’è il veterano Jack Ogliari con Lele Falzone, anch’essi su C3, seguiti a breve distanza (n° 24) da Luca Potente e Paolo Gogni su Skoda Fabia.

Interessante anche il rientro in gara del quattro volte re del “Laghi”, Beppe Freguglia, affiancato sulla Fabia numero 28 da Marco Pollicino; medesima vettura per il bustocco Dario Messori (n° 37) con Christian Lavazza, per il giovane gaviratese Riccardo Pederzani (n° 39) con Guido Pulici e per l’esperto valcuviano Barsanofio Re (n° 49) con Monica Luca. Vedremo se qualcuno di questi sarà in grado di risalire la classifica e di regalarsi uno spazio tra i protagonisti più attesi del Monza che sono davvero molti. Da Piero Longhi a Dani Sordo, da Davide Valsecchi a Andreas Mikkelsen, da Marco Bonanomi a Craig Breen a tanti altri: sarà curioso capire chi potrà spuntarla.

Rally dei laghi 2019 - Cuvignone
Tempestini sul Cuvignone

LAGHI, ECCO LE DATE

Inizia intanto a prendere forma il “Rally dei Laghi”, l’appuntamento più atteso in provincia di Varese. La 29a edizione si disputerà tra sabato 28 e domenica 29 marzo e la prima novità annunciata dagli organizzatori è lo spostamento dello shakedown sul tracciato inedito tra Bedero Valcuvia e Mondonico nel pomeriggio della prima giornata del rally. Non dovrebbero esserci invece differenze con lo scorso anno sotto il profilo delle prove speciali che si disputeranno quindi tutte di domenica, senza la prova spettacolo che aveva caratterizzato il “Laghi” sino al 2018. La gara potrebbe non avere al via vetture WRC ma sarà ugualmente inserita nella Coppa Rally di zona, mantenendo una certa rilevanza sotto il profilo agonistico.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 03 dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore