Minacce e maltrattamenti a madre e fratello, Polizia arresta 56enne

L'uomo, alcolista cronico, era uso sputare addosso ai familiari, lanciare oggetti e minacciare. I congiunti hanno deciso di denunciarlo e sono scattate le manette da parte dei poliziotti

alcolismo

Aveva provocato nell’anziana madre uno stato di ansia permanente, tale da dover ricorrere alle cure dei sanitari, il 56enne arrestato dagli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Busto Arsizio, nella mattinata di ieri. Una pattuglia è intervenuta in un’abitazione, chiamata dai familiari dell’uomo, esausti e spaventati per le continue intemperanze del congiunto.

La Volante, arrivata sul posto, ha raccolto le accorate dichiarazioni della signora e del fratello i quali hanno descritto una situazione, che si protrarrebbe da molti anni, di continui maltrattamenti consistenti in insulti, sputi, minacce di morte, lanci di oggetti e aggressioni fisiche, il tutto alimentato dall’alcolismo cronico del cinquantaseienne.

Essendo tra l’altro emerso che nel corso della stessa notte pattuglie delle forze dell’ordine erano già intervenute in due occasioni per le intemperanze dell’uomo, che tra l’altro ha continuato a pronunciare minacce nonostante la presenza dei poliziotti, gli agenti della Volante hanno proceduto al suo arresto nella flagranza del reato di maltrattamenti contro i familiari, conducendolo in carcere. La madre è dovuta ricorrere alle cure dei medici per il forte stato di ansia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore