Fabio Tognella vuole far rivivere il motocross di Arsago

Negli anni Ottanta il circuito, con eventi come il Fast Cross, richiamava migliaia di persone. Il marketing manager del team SDM ha acquisito l'area e punta a riattivare i motori

Campionati italiani di motocross al Ciglione

Un progetto per far rinascere il circuito di motocross di Arsago Seprio, famosissimo negli anni Ottanta-Novanta: lo racconta, in una intervista il portale specializzato motocross.it,  Fabio Tognella, marketing manager del team SDM.

«Sono di Arsago Seprio, da sempre ho vissuto in quei luoghi, sin da quando era un bosco, una cava, per poi diventare il circuito internazionale di Arsago e la pista più conosciuta in Europa e nota anche in America, per gli importanti Fast Cross» racconta Tognella.

Erano appunto gli anni d’oro, quando Arsago era nome conosciuto a tutti gli appassionati dello sport motoristico, alla pari del Ciglione di Malpensa, ancora oggi teatro di competizioni internazionali.

Poi a fine Novanta il circuito fu abbandonato e chiuso e il bosco fittissimo (siamo nel Parco del Ticino) si è ripreso gran parte dell’ambiente, oggi rimangono collinette, stradine poderali e pochi resti delle strutture. «La natura ha anche cancellato gran parte del tracciato».

Nell’intervista a motocross.it (che si può leggere integralmente qui) Tognella racconta il suo forte legame emotivo con quella pista, visto che ancora oggi abita in zona. E delinea i primi fondamenti del progetto, senza nascondere le difficoltà anche normative, legate anche al fatto che l’area rientra nel Parco del Ticino, che ha regole stringenti. «Qualsiasi tipo di intervento comporta una presentazione documentata alla commissione paesaggistica con un periodo di 120 giorni, quindi quattro mesi solo per avere delle risposte». Tognella fa intendere però che c’è un certo sostegno anche dal Comune di Arsago Seprio.

L’intervista completa è su motocross.it

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 18 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da PaGi

    Bellissima notizia!
    Speriamo bene, il circuito “giardino” è una pista meravigliosa che ci ha permesso di ammirare Ricky Johnson e Jeremy McGrath.
    Daje Fabio!

Segnala Errore