L’impegno di Lonate sui rifiuti: “Raccolta differenziata oltre l’80%”

La sindaca Nadia Rosa ha presentato insieme a SAP gli ultimi dati sulla raccolta differenziata e sulla raccolta di rifiuti abbandonati: "Abbiamo raccolto tante tonnellate, grazie anche all'intervento dei volontari"

Nadia Rosa Paolo Risi sap

«La raccolta differenziata nel 2019 è stata del 73%. Ma da giugno, con l’introduzione del sacco tracciato, siamo arrivati oltre l’80%». La sindaca di Lonate Pozzolo Nadia Rosa ha annunciato soddisfatta i numeri sulla raccolta e sulla rimozione dei rifiuti abbandonati.

In una conferenza stampa convocata nel municipio di via Cavour il primo cittadino, insieme all’assessore Paolo Risi e al presidente di SAP Modesto Verderio, ha confermato l’impegno dell’amministrazione sulla raccolta differenziata, ringraziando i cittadini per la collaborazione: «Dal 60% o poco più dei primi mesi del 2019, si vede un netto aumento dopo giugno. Segno che il sacco tracciato, per la raccolta dell’indifferenziato (il ‘secco’, ndr) sta funzionando. Nel 2020 – ha aggiunto – abbiamo introdotto la raccolta settimanale della plastica». Il sacco tracciato, secondo alcuni, avrebbe portato a un aumento dell’abbandono dei rifiuti. «Ma non è così, come confermano i dati» dichiara Risi, che tra le altre ha la delega ad ambiente ed ecologia. «Rispetto a Ferno – ha continuato l’assessore – abbiamo una percentuale leggermente inferiore, ma il nostro territorio è sei volte più grande». «Adesso – ha annunciato Rosa – stiamo lavorando all’introduzione della tariffa puntuale, per il prossimo anno».

Lo smaltimento dei rifiuti abbandonati

SAP rivendica gli interventi svolti nelle ultime settimane in diverse zone della città: in zona Cornarina, in via Molinelli, in via San Siro, via Verga, via XXIV maggio e in località Bellaria. «In totale – ha affermato Verderio – si parla di 6,36 tonnellate di rifiuti pericolosi raccolti, 33 tonnellate di rifiuti inerti, e 3,88 tonnellate di assimilati».

Come ha ricordato Nadia Rosa, «gran parte dei rifiuti erano stati abbandonati anni fa: noi siamo intervenuti su una situazione che si protraeva da ormai troppo tempo».

Il contributo dei volontari

Tutti hanno voluto ricordare l’impegno di alcuni cittadini che domenica 2 febbraio, spontaneamente, hanno dedicato del tempo alla pulizia dei boschi nella zona industriale. I cittadini, che a breve vorrebbero costituire un’associazione, si riuniranno anche domenica 16 per replicare. «Ne siamo ben felici» ha detto Verderio, che ha promesso inoltre di fornire loro il materiale di supporto, come i sacchetti per la raccolta.

volontari pulizia boschi
I tre volontari che, domenica 2 febbraio, si sono trovati per ripulire i boschi dai rifiuti

di caccianiga.marco@yahoo.it
Pubblicato il 13 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore