Quando un caffè al bar può salvarti dal gioco patologico, l’iniziativa ad Olgiate Olona

L'iniziativa messa in campo dalla rete "Azzardo ti vinco". Nei bar e nei ristoranti del paese verranno distribuite bustine di zucchero e tovagliette con il numero di telefono per ricevere consulenza

Avarie

Da giovedì 20 febbraio l’assessorato ai Servizi Sociali sarà impegnato in una campagna di sensibilizzazione legata al progetto “Rete Azzardo ti vinco” promosso dall’associazione AND. Alle attività commerciali, quali bar e locali di ristorazione, sono state consegnate bustine di zucchero e tovagliette riportanti frasi di sensibilizzazione e motivazione con numero di telefono per ricevere consulenza sul problema gioco patologico.

Così commenta l’iniziativa l’assessore Mauro Carnelosso: «In questi giorni abbiamo distribuito alle attività che hanno aderito, tale materiale estendendolo anche ai bar dell’oratorio e ad attività quali parrucchieri, soliti fornire caffè ai loro clienti».

La Pro Loco, che ha collaborato alla distribuzione, lo utilizzerà invece durante il prossimo Girinvalle.
Parlare di questo tema ha l’obiettivo di sensibilizzare chi non è giocatore o chi non è patologico, affinchè non cada nella trappola dell’azzardo e porti rovina a se stesso e alle propria famiglia». L’Amministrazione Comunale ringrazia tutti i commercianti che hanno aderito all’iniziativa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 febbraio 2020
Leggi i commenti

Foto

Quando un caffè al bar può salvarti dal gioco patologico, l’iniziativa ad Olgiate Olona 2 di 2

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore