“Cronache dei 90”, le partite che hanno segnato un decennio magico

Nella prima serie del suo podcast, il telecronista Stefano Borghi racconta sei match da leggenda e i loro protagonisti che hanno caratterizzato gli anni Novanta

podcast sport cronache dei 90 stefano borghi

(d. f.) Gli appassionati di sport dovranno fare a meno, per un po’ di tempo, di assistere alle imprese dei propri beniamini sia dal vivo sia in televisione. Noi siamo tra quelli, ovviamente. E così, per ovviare a questa mancanza, proponiamo l’ascolto di alcuni podcast a tema sportivo che ci sono piaciuti, che ci hanno colpito, che abbiamo “testato” per voi. Ne pubblicheremo uno alla settimana, tra il venerdì e il sabato, così avrete tempo di ascoltare tutte le puntate prima di “attaccare” il successivo. Buon ascolto. E, per suggerimenti, scriveteci a sport@varesenews.it.

CRONACHE DEI 90 – Di Stefano Borghi

Novanta è un numero iconico nel mondo del calcio, i minuti – recuperi e supplementari esclusi – nei quali si consuma ogni sfida sul rettangolo di gioco. Novanta però è stato anche un decennio che molti di noi hanno potuto vivere e assorbire da cima a fondo, aperto dalla scorpacciata dei Mondiali di casa nostra e concluso (anche) da una partita simbolo, l’incredibile finale di Champions tra Manchester United e Bayern Monaco.

Un match che è tra i sei (c’è poi un Boca-River che fa da bonus track) che Stefano Borghi, giovane e apprezzato telecronista originario di Pavia, ha scelto di raccontare nella prima serie di “Cronache dei 90”: incontri diventati simbolici per le squadre che li hanno giocati e, possibilmente, vinti. La scelta è raffinata e non è un caso che la raccolta cominci da un nobilissimo club italiano, il Genoa, descritto nella sua più grande impresa nelle coppe europee come le conosciamo oggi, il doppio confronto con il Liverpool del 1992. Da quando vengono rievocati i nomi dei Grifoni di allora – da Pato Aguilera al totem Shkuhravy, da capitan Signorini a gente come Collovati, Branco ma anche Onorati e Braglia – l’attrazione verso questo podcast parte in automatico.

Dopo il doppio-confronto tra Marassi e Anfield, Borghi ha messo in fila nelle successive puntate uno storico Argentina-Colombia del ’93 ricchissimo di campioni su ambo le sponde, l’indimenticabile Italia-Nigeria del Mondiale ’94 decisa da un Roberto Baggio trasformatosi in “divin Codino” al momento giusto e la già citata e incredibile finale di Barcellona tra United e Bayern vinta con due reti nel recupero da Beckham e soci. Si torna quindi di nuovo in Sudamerica, questa volta in Brasile con il pazzesco “Fla-Flu” (il derby di Rio tra Flamengo e Fluminense) che assegnò il titolo Carioca nel ’95. Un incontro deciso da un giocatore tanto “bidone” in Italia quanto vincente in patria, Renato “Gaùcho”. Infine la cavalcata più illogica del decennio, la vittoria della Danimarca all’Europeo ’92 che neppure avrebbe dovuto giocare (fu ripescata al posto della Jugoslavia a causa della guerra), ai danni dei campioni del mondo in carica della Germania.

Attenzione: la bravura di Borghi e dello staff che ha prodotto il podcast non sta solo nel raccontare quelle partite. Il contorno è di assoluto livello, tra flashback nel passato, descrizioni accurate dei protagonisti, aneddoti sportivi, personali e sociali. E il ritmo con cui si alternano le parti parlate, le musiche e gli effetti sonori permette di trascorrere senza mai annoiarsi anche puntate decisamente lunghe, intorno ai 40′. Nella seconda stagione, pubblicata da poco, Borghi lascia il canovaccio precedente e sceglie di raccontare (anche con l’ausilio di Billy Costacurta) alcuni grandi campioni e il loro incontro più rappresentativo. Ma questo nuovo ciclo non lo abbiamo ancora ascoltato: è però già in lista per il futuro.

LA SCHEDA

Numero puntate: 6 (prima serie)
Produzione: storielibere.fm
Di: Gian Andrea Cerone e Rossana De Michele
Redazione: Benedetta Aroldi
Coordinamento editoriale: Guido Guenci
SITO WEB

Il podcast sportivo della settimana – Tutte le puntate

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 10 aprile 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore