Aggressione con l’acido, 7 anni e 10 mesi di carcere per Sara Del Mastro

Il giudice non ha riconosciuto l'aggravante della premeditazione, come aveva invece chiesto la difesa della vittima dell'aggressione, Giuseppe Morgante

tribunale busto arsizio

Sette anni e dieci mesi di carcere più due di libertà condizionata per Sara Del Mastro, la 38enne che un anno fa ha aggredito con l’acido l’ex fidanzato Giuseppe Morgante sotto casa sua in via dei Pioppi a Legnano. La condanna del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Busto Arsizio è arrivata nella mattinata di oggi, lunedì 25 maggio.

Per la 38enne la Procura aveva chiesto 10 anni, mentre la difesa di Morgante, che si è costituito parte civile nel procedimento, aveva chiesto la condanna a 12 anni e il riconoscimento dell’aggravante della premeditazione. La donna nel corso del procedimento è stata sottoposto ad una perizia psichiatrica, dalla quale era emerso che la sera del 7 maggio era lucida.

«Probabilmente a livello psicologico il fatto che l’aggressore fosse una donna e la vittima un uomo, un semplice commesso di supermercato, non ha giocato a nostro favore – commenta l’avvocato di Morgante, Domenico Musicco -. Siamo soddisfatti a metà perché non è stata riconosciuta l’aggravante della premeditazione». Deluso Giuseppe Morgante che si aspettava una pena di almeno 8 anni visti i casi portati ad esempio dal suo legale durante l’arringa, come quelli di Lucia Annibali e Gessica Notaro. «Chiederemo il risarcimento allo Stato perché le sue richieste di aiuto non sono state ascoltate – continua il legale della vittima -. Sarà un’azione importate per tutte le vittime di questo tipo di reati».

I legali di Sara Del Mastro ora attenderanno il deposito delle motivazioni per decidere su un eventuale ricorso in appello.

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 25 maggio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Stefano Arenzi

    Se non è premeditazione attendere la vittima con in mano una bottiglietta d’acido…

Segnala Errore