Ispra, festa e saluti per i ragazzi delle medie

Al campo sportivo i ragazzi della scuola Enrico Fermi hanno ritrovato e salutato i prof. "Grazie per tutto l’affetto, durante l’emergenza covid siete rimasti vicini “a distanza” ringraziano i docenti

scuole medie Enrico Fermi Ispra

Un’ultima occasione per ritrovarsi insieme ancora una volta e salutarsi prima che le strade prendano direzioni differenti. Ieri sera, venerdì 3 giugno, è stata una giornata che gli studenti dell’ultimo anno delle medie di Ispra non dimenticheranno, così come non dimenticheranno quello che con ogni probabilità è stato l’anno (scolastico e non) più anomalo della storia recente.

Nonostante il tempo non fosse dei migliori, con le piogge che hanno “ricoperto” il Verbano, al campo sportivo i ragazzi hanno ritrovato professori e collaboratori “dell’Enrico Fermi”, pronti a lasciare un ultimo messaggio ai loro ormai ex studenti.

«È stato un anno difficile – hanno commentato i docenti, non senza versare qualche lacrima di commozione -. Lo è stato soprattutto per voi che avete dovuto affrontare l’esame (svoltosi online, ndr). Grazie per tutto l’affetto, durante l’emergenza covid siete rimasti vicini “a distanza”. Siete arrivati alla fine di questo importante percorso in cui avete dato tantissimo, adesso non ci resta che augurarvi un importante “in bocca al lupo” per le superiori».

A queste parole i ragazzi hanno risposto mostrando un video di saluti realizzato per ringraziare tutte le persone che in questi tre anni ha contribuito alla loro crescita culturale e personali: dalla professoressa di scienze all’insegnante di musica, dal supplente di tecnica alla collaboratrice Maria Baldarelli che, dopo tanti anni di servizio, andrà in pensione.

Una serata resa possibile soprattutto grazie all’impegno dei genitori rappresentanti di classe (Maddalena Di Bello, Elisabetta Gloceri e Francesca Ribecco per la 3A, Rina di Spirito, Claudia Mariotto e Valentina Pietrogiovanna per la 3B) che hanno organizzato la serata, permettendo così ai ragazzi di ritrovare quelle sensazioni da “ultimo giorno di scuola” che il coronavirus aveva loro negato.

Adesso le strade di molti ragazzi si divideranno: qualcuno di loro andrà a studiare l’alfabeto e i filosofi greci al classico di Varese, altri invece prenderanno il battello per andare a scuola in Piemonte, ma i ricordi e quello speciale legame che li ha uniti in questi tre anni rimarrà per sempre.

di
Pubblicato il 04 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore