Openjobmetis, la semestrale sconta – e si prepara a superare – l’effetto Covid

Il Consiglio di Amministrazione di Openjobmetis S.p.A., ha approvato e reso pubblica la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2020

Openjobmetis spa

Il Consiglio di Amministrazione di Openjobmetis S.p.A., una delle principali Agenzie per il Lavoro, quotata al Mercato Azionario gestito da Borsa Italiana, ha approvato la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2020.

«Ci troviamo a commentare i risultati di un semestre dove la Società, nonostante un mese di Aprile caratterizzato dalla contrazione più significativa dei ricavi degli ultimi anni, ha mostrato una forte capacità di resilienza alla sfavorevole congiuntura macroeconomica – Ha commentato l’Amministratore Delegato Rosario Rasizza  – Sono orgoglioso di come il Gruppo abbia affrontato la crisi e di come i colleghi e collaboratori abbiano manifestato una grande voglia di ripartire, traducendo tale energia in risultati che si rivelano superiori alle nostre prime previsioni».

Secondo la relazione, i Ricavi di Vendita del primo semestre 2020 si attestano a € 235,9 milioni rispetto a € 277,3 milioni del primo semestre 2019. La flessione dei ricavi del 14,9% è dovuta principalmente agli effetti della pandemia da Covid-19, diffusasi in Italia a partire dalla fine del mese di Febbraio 2020. Il fenomeno ha interessato tutte le aree di attività del Gruppo (Ricerca e Selezione -17,9%, outplacement -55,4%, altri ricavi -33,5%, rispetto al primo semestre del 2019). L’Utile netto di periodo ha chiuso a € 2,4 milioni rispetto a € 4,7 milioni del primo semestre 2019. Il Patrimonio netto al 30 giugno 2020 ammonta a € 102,3 milioni rispetto a € 103,2 milioni al 31 dicembre 2019.

«A partire da maggio però abbiamo assistito ad un deciso rimbalzo dei ricavi rispetto ad aprile (+39%), continuato poi anche in giugno (+18% rispetto a maggio) – ha continuato Larizza – La contrazione dei ricavi del primo semestre, contenuta in un -14,9% e l’attenzione rivolta ad un efficace contenimento dei costi ci ha permesso di chiudere il secondo trimestre dell’anno con un utile netto pari a quello del primo trimestre. Continueremo ad amministrare l’azienda con grande attenzione al fine di difenderne la redditività anche nella seconda parte dell’anno»

Dopo una positiva partenza d’anno, i risultati del primo semestre del 2020 sono stati in larga misura influenzati dalla pandemia da Covid-19 e dalle misure di confinamento (c.d. lockdown) imposte dal Governo, che hanno portato al conseguente stop dell’operatività di un significativo numero di aziende utilizzatrici. Ma già a partire da Maggio, mese in cui il Governo ha consentito la riapertura (seppur graduale) delle attività produttive, si segnala un marcato recupero dei ricavi rispetto ad Aprile. Analoga dinamica mostra il mese di Giugno che manifesta un gap solo del 13% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, ben lontano dal -43% di Aprile: tale andamento dei ricavi potrebbe preludere ad una seconda parte dell’anno di ulteriore ripresa del mercato di riferimento.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 31 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore