Quantcast

Anche Conte e Mattarella ai cent’anni di Confagricoltura

L’ Organizzazione agricola celebra il centenario alla presenza del capo dello stato e del presidente nazionale Giansanti. Presente anche la delegazione varesina

Generico 2018

«Tutela dell’impresa. Ovvero efficienza e competitività, orientamento verso la crescita e le innovazioni tecnologiche, stretto collegamento con le altre parti della filiera agroalimentare, per cogliere le aspettative dei consumatori in Italia e a livello internazionale. Ma anche protezione delle risorse naturali, responsabilità sociale, tutela dei lavoratori, benessere della collettività, per contribuire al progresso civile ed economico della comunità nazionale. Questi i principi essenziali che hanno sempre ispirato l’azione sindacale di Confagricoltura da quel lontano 1920, in cui nacque a Roma la prima organizzazione degli agricoltori italiani a carattere generale, con una presenza diffusa su tutto il territorio nazionale e con funzione di sindacato datoriale».

Così il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti ha aperto a Roma, a Palazzo Colonna, le celebrazioni del Centenario dell’associazione alla presenza del Capo dello Stato, Sergio Mattarella, del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dei Ministri Teresa Bellanova e Stefano Patuanelli e della Sindaca di Roma, Virginia Raggi.

Dopo aver ringraziato chi lo ha preceduto alla guida dell’Organizzazione e tutti coloro che hanno dato il proprio contributo alla sua crescita, Giansanti ha ripercorso alcuni momenti salienti della storia e dello sviluppo del settore agricolo. «Adesso è necessario dare supporto a queste imprese – ha ribadito Giansanti – per metterle nella condizione di continuare ad aumentare competitività e produzione. La quota di esportazioni di prodotti agroalimentari, che era di 44 miliardi di euro, è arrivata a superare per la prima volta la soglia del 10% dell’export totale in valore. Crescere è un impegno difficile. Per questo dobbiamo utilizzare al meglio le risorse importanti messe a disposizione dal governo italiano e dall’Unione europea».

Generico 2018

Per Varese era presente il presidente di Confagricoltura Giacomo Brusa (nella foto), che ha commentato: «Molto interessante per la nostra provincia quando detto dal Presidente del consiglio Conte sull’impiego del recovery fund e sulle aree interne; se pensiamo alle nostre valli queste con un nuovo piano di sviluppo potranno ritornare ad essere terreno fertile per coltivare. Serviranno incentivi, defiscalizzazioni creazioni di vie di miglior collegamento. Per fare si che tutto questo avvenga ci vorrà un forte supporto tecnologico e una digitalizzazione dell’agricoltura (Confagricoltura ha appena firmato un importante accordo con TIM per portare il 5g in tutte le campagne d’Italia)».

«È stata un’esperienza molto emozionante a gratificante per tutti noi agricoltori – ha continuato il presidente di Confagricoltura Varese –  Confagricoltura è la prima associazione agricola a rappresentare le aziende in Italia e la prima a festeggiare i suoi 100 anni.  In questo periodo in cui l’agricoltura non si è mai fermata per sfamare il paese aver con noi il capo dello stato a festeggiare rende ancora di più l’importanza del lavoro che tutti i giorni facciamo per produrre cibo, tutela del territorio e bellezza».

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 28 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore