Legionella a Busto Arsizio, ora indaga la Procura

Aperto un fascicolo a carico di ignoti per il reato di epidemia colposa. L’obiettivo è fare chiarezza sui 16 casi è un morto registrati tra metà e fine agosto

varie

La Procura di Busto Arsizio ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di reato di epidemia colposa per i 16 casi di legionella che si sono verificati nella seconda metà di agosto.

L’inchiesta, per il momento, non vede nessun nome iscritto nel registro degli indagati e mira essenzialmente a fare luce su quanti accaduto, anche se nemmeno Ats Insubria, per il momento, è riuscita a risalire alla causa della diffusione del batterio che ha causato anche un decesso seppur di una persona anziana e già colpita da altre gravi patologie.

La notizia è stata confermata dal Procuratore Aggiunto Giuseppe D’Amico che ha co-assegnato il fascicolo ai sostituti procuratori Rossella Incardona e Massimo De Filippo.

Dagli uffici di largo Giardino sono già partite le verifiche sulla documentazione messa a disposizione da Ats e da Alfa che ha lavorato sulla rete idrica. Quando è come sono stati attivati i controlli? Come è stata gestita la comunicazione tra gli enti? Si poteva fermare prima il contagio? Lo stesso sindaco ha dichiarato di essere stato informato in ritardo dall’autorità sanitaria.

Nelle prossime settimane potrebbero arrivare risposte più chiare. Per il momento, comunque, non ci sono stati nuovi casi mentre resta in vigore l’ordinanza che limita l’uso dell’acqua in una vasta zona della città.

 

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pino Squellati

    Guardate che non é stata emessa alcuna ordinanza che limiti l’uso dell’acqua ma esistono solo:
    – due blog sul sito del Sindaco uno che invita a mantenere la calma, e l’altro che riprende le dichiarazioni di Gallera sullo stato delle ricerche e dei contagi.
    -Una informativa ufficiale del Comune (https://www.comune.bustoarsizio.va.it/index.php/news/news-del-comune/item/11979-casi-di-legionella-a-busto-arsizio) che fa il punto (ormai datato) della situazione e ripete raccomandazioni in caso di contagio da legionella.
    Anche il paesino (Ayas – 900 abitanti) dove ho passato le vacanze ha avuto un problema di potabilità dell’acqua, ma il sindaco in via precauzionale, prima che arrivassero le analisi ufficiali, ha prontamente emesso un ordinanza che limitava l’impiego dell’acqua per usi non domestici. E a Busto che si fa?

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.