Come risparmiare sulla spesa di pannolini?

Quando si ha un figlio, la prima cosa da fare è quella di pensare a tutto quello che può servire per rendere i suoi primi mesi confortevoli, ma anche trovare soluzioni facili per non spendere troppo

pannolini

Quando si ha un figlio, la prima cosa da fare è quella di pensare a tutto quello che può servire per rendere i suoi primi mesi confortevoli, ma anche trovare soluzioni facili per non spendere troppo nella gestione di pappa, cacca e così via.

Se la culla e i giochi sono indispensabili, ma una volta acquistati non comportano altre spese di sorta, lo stesso non si può dire del cibo e dei pannolini, che diventano il vero problema di molte famiglie, visto l’impatto che hanno sul budget familiare.

Si stima infatti che la spesa annua si aggiri attorno ai 500 euro, una bella cifra se pensiamo che non è l’unica cosa da sostenere quando si ha un bambino. Come fare allora per risparmiare? Vediamo insieme quali soluzioni è possibile trovare.

Precorrere i tempi: il metodo E.C.

Se state pensando che usare i pannolini lavabili sia il metodo giusto per eliminare il problema, considerate il tempo da dedicare a questa operazione, insieme anche alla spesa di acqua e sapone, che non è indifferente.

Tenete conto anche dell’inquinamento, che viene già a essere abbastanza a causa dei normali pannolini e non diminuisce, proprio a causa dei detersivi, con quelli lavabili. Come è possibile fare allora?

Potete seguire la cosiddetta tecnica E.C., sigla che sta per Elimination Communication: cosa vuol dire? Nata negli Stati Uniti, la strategia di cui parliamo vuole invitarvi a precorrere i tempi, ovvero a limitare il tempo di impiego dei pannolini, abituando il bambino a usare il vasino.

L’intenzione è quello di farlo attorno ai 9/10 mesi di età e in maniera non traumatica, mettendo il bimbo proprio dove deve e spiegandogli, con calma e con il trucco del gioco, cosa fare, così da farlo abituare subito e senza ansie.

In questo modo i vostri figli saranno indipendenti molto prima dei classici due o tre anni di vita.

Il metodo Fellom

La maestra Julie Fellom, sempre negli Stati Uniti, ha studiato un metodo che sembrerebbe promettere di liberare i bambini dai pannolini nell’arco di soli tre giorni. Basta acquistare un certo numero di vasini, che dovranno essere posizionati in casa in punti strategici, l’impiego di giochi, musica e tutto ciò che può coinvolgere i piccoli.

Seguendo questa tecnica sarà possibile riuscire a eliminare la schiavitù del pannolino, quindi, se volete fare il tentativo, basterà stare dietro a vostro figlio per qualche giorno e il problema sarà completamente archiviato. Ma se questa vi sembra una mossa troppo azzardata, leggete di seguito quali altri metodi potrete utilizzare.

I pannolini lavabili

Abbiamo escluso questa opzione da subito, ma potrebbe essere quella giusta se non siete pronti a far abbandonare il pannolino così presto al vostro bambino. Se pensiamo che una fornitura di pannolini costa oltre 500 euro in un anno, sarà confortante sapere che invece quella di lavabili raggiunge le 300 euro ma in totale.

Questo vuol dire che con questa spesa sarete coperti per tutto il tempo in cui il bambino avrà bisogno del pannolino. Se questa cifra vi sembra comunque eccessiva, potrete optare per quelli di seconda mano oppure optare per il fai da te, seguendo uno dei tanto tutorial del web.

Comprare sul web

Se avete nella vostra zona degli spacci, potrete optare per un acquisto più oculato, visto che qui i pannolini sono venduti a un prezzo concorrenziale. scandagliare il web è un’altra soluzione: online ci sono parecchie opzioni convenienti, che potete trovare anche su siti come https://piccoloeforte.it/.

In ogni caso è opportuno fare un raffronto, per verificare quale sia la spesa migliore, anche in rapporto alla qualità dei pannolini che sceglierete. Un’altra soluzione può essere quella di optare per prodotti venduti ai discount, dove cioè spesso sono presenti offerte interessanti, specialmente nei periodi di saldi.

Starà a voi tenere d’occhio i volantini e approfittare dell’occasione quando si presenta.

Sfruttare gli sconti

Spesso i giornali sono ricchi di coupon che permettono di acquistare prodotti anche costosi con sconti interessanti: se ne avete visto uno oppure conoscete un periodico che li inserisce spesso, potete sfruttare questa occasione per risparmiare.

Anche sul web questo è possibile, se pensiamo, per esempio, ad Amazon, che spesso fa offerte con sconti speciali, non solo nei giorni del Prime ma anche in altre occasioni, quando sono gli stessi venditori a proporre opzioni per acquisti combinati.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 02 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da AlessandraD

    Buongiorno, questo articolo è pieno zeppo di errori. Non è assolutamente paragonabile l’inquinamento dato dai pannolini lavabili (che vengono lavati con una quantità minima di detersivo biologico) con l’impatto degli usa e getta che richiedo enormi quantità di risorse per essere prodotti e per essere usati poche ore. Inoltre questi ultimi richiedono fino a 500 anni per degradarsi e sono responsabili del 20% dei rifiuti nelle discariche. Anche i conteggi sul costo dei pannolini usa e getta è completamente sfasato e non è credibile una spesa di 500 euro annui quando un pannolino usa e getta costa mediamente 0,40 euro porta la spesa minima annua a 730 euro.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.